Vita a punteggio

Vita a punteggio

Di Il Blog di Beppe Grillo:

di Antonio Fernandez Vicente – Chiamo un call center per un servizio di cui ho bisogno. La persona con cui parlo mi dice che, al termine della telefonata, ne riceverò un’altra per valutare come sono stato trattato.

Quando finisco di mangiare in un ristorante, il cameriere mi chiede gentilmente se è andato tutto bene e mi chiede di valutare e commentare la qualità del ristorante su Tripadvisor : “È molto importante per noi!”.

Scelgo un appartamento su Airbnb in base alla valutazione e ai commenti degli altri ospiti. E allo stesso tempo, i proprietari dell’appartamento mi chiedono esplicitamente di valutarli alla grande! Perché il loro futuro dipende da questo.

Tutte queste situazioni quotidiane hanno qualcosa in comune. Riguarda il piacere che proviamo quando incontriamo un mondo valutato. E nell’era digitale, qualsiasi persona, anche anonimamente, si assume il diritto di valutare.

Non c’è niente di strano. Fin da piccoli il sistema scolastico ci ha abituato a dare valore a ciò che si valuta. Il resto è una perdita di tempo.

Quando chiedi a un bambino come va a scuola? La solita risposta semplificativa sarà: “Bene, 3 A e 4 A”. Ciò che conta è il voto, il numero che ci classifica e ci giudica, ma non il contenuto di ciò che si apprende. E succede che i bambini imparino ad essere persone che si adattano ai criteri di valutazione. E niente di più. Non si apprende imparando, ma si presume che i metodi ottengano una migliore valutazione. E sembra che ciò che non viene valutato non esista.

I modelli educativi come quello finlandese si basano su sistemi di apprendimento in cui la vita scolastica non è una competizione per il voto più alto. La valutazione migliora l’apprendimento? Al college non sorprende più che questo modello comportamentale, in base al quale gli studenti si sforzano solo quando c’è una valutazione positiva, sia la norma. E’ anche la norma per gli insegnanti. Fare qualcosa gratuitamente, senza un premio accademico, è una bellissima eccezione al pragmatismo del valutabile.

Valutare ed essere valutati diventa una spirale che ci fa dipendere dal riconoscimento sociale. Ci trasforma in persone che reagiscono a questi criteri di valutazione. E ciò che non è valutabile è semplicemente inutile perché non saremo misurati per questo.

Questo è ciò che la sociologa francese Angélique del Rey chiama la “tirannia della valutazione”: diventiamo strateghi per vincere nel gioco della valutazione.

Ma ciò che accade nel mondo dell’educazione si è esteso a qualsiasi campo dell’attività umana. Il sistema di reputazione sociale quantifica e confronta la qualità dei lavoratori, ma anche le aree personali e sentimentali. Un capitolo della serie Black Mirror, intitolato Plummeting, mostrava un mondo in cui ogni persona è valutata qualunque cosa faccia. Anche se sembra fantascienza, è un sistema di credito sociale che si sta già sviluppando in alcune città della Cina. A seconda dell’esemplarità e della buona condotta degli abitanti, viene apposta un’etichetta digitale con la loro valutazione. Agiremo da buoni cittadini, non perché vogliamo una città migliore, ma perché influenzerà il nostro rating.

Amiamo valutare perché sentiamo di avere il potere di discriminare il bene dal male. Perché sottoponiamo gli altri ai nostri giudizi, ai nostri criteri, anche se non siamo in grado di giudicare nulla. E ci piace essere valutati perché in questo modo non siamo dimenticati: sentiamo di esistere come oggetto del giudizio di altri esseri umani. Ci piace trasformare gli altri in numeri. Ed essere anche noi stessi numeri per misurare il nostro successo sociale. Questo è ciò che accade con l’ossessione di accumulare sempre più “mi piace” su Facebook. O più retweet su Twitter. O più follower su qualsiasi altro social network, come Instagram o Snapchat. È il nostro particolare gloriometro, che misura e valuta la nostra accettazione sociale.

Valutare è anche classificare ed entrare nella logica delle classifiche. Sembra che viviamo tutti in un concorso televisivo per talenti. Ci saranno alcuni vincitori e molti altri perdenti. Il talento è inutile se non è certificato.

Che voto merita questo articolo? Sarà dato dai click che riesce ad attirare. La pratica chiamata clickbait (acchiappa click) ad esempio, costringerà a scrivere in un modo più sensazionale per ottenere più attenzione su Internet.

Nel suo lavoro su L’arte di essere felici, Arthur Schopenhauer ha indicato ciò che si rappresenta per gli altri come causa di infelicità: “È quasi inspiegabile quanta gioia provano tutte le persone quando percepiscono segni di opinioni favorevoli da parte di altri che in qualche modo lusingano la loro vanità”.

Eppure cerchiamo di essere arroganti e di cadere nella “triste schiavitù dell’opinione altrui”. Oppure è un requisito di un sistema sociale che premia l’adattamento ai criteri di valutazione. E bandisce ai margini tutto ciò che non può essere valutato. Questo è il darwinismo sociale della valutazione. 

Antonio Fernandez Vicente è Professore di filosofia della comunicazione presso l’Università di Castilla-La Mancha. Questo articolo è stato pubblicato precedentemente su The Conversation. 



FONTE : Il Blog di Beppe Grillo

Leggi anche

Ambiente e povertà: l’impegno di Ecodomum

Ambiente e povertà: l’impegno di Ecodomum

Di Il Blog di Beppe Grillo: di Niccolò Morelli – “Nulla si crea, nulla si …