Visita all’accademia Aeronautica Militare di Pozzuoli

Di Angelo Tofalo | Movimento 5 Stelle:

Questa mattina ho iniziato in Campania una serie di visite istituzionali presso comandi e istituti della Difesa, dove avrò modo di incontrare il personale militare e civile.

Prima tappa Pozzuoli e, per me, anche prima visita in Accademia Aeronautica Militare. Ad accogliermi, il Comandante Generale di Brigata Aerea Enrico Degni che assieme al suo staff mi ha illustrato le attività dell’Istituto, i percorsi di studio e le criticità legate soprattutto all’addestramento dei piloti. Da come rifare il letto fino a pilotare un aereo, progettare e specializzarsi in settori tecnici è ciò fanno gli allievi durante la permanenza in Accademia. Parliamo di un Istituto all’avanguardia che ha il compito di selezionare, formare e ispirare gli ufficiali dell’Arma Azzurra grazie a standard formativi e programmi di studio di altissimo livello che comprendono materie universitarie, militari e tecnico-militari.

Ho visitato le aule didattiche dove ogni giorno si tengono lezioni a cura di professori dell’Università degli studi di Napoli Federico II. Scienze Aeronautiche, Ingegneria, Giurisprudenza, Medicina e Chirurgia sono i principali corsi di laura. C’è anche una sala simulatori che avvicina gradualmente gli aspiranti piloti alla realtà operativa. Non potevo non salirci a bordo! Il pranzo assieme agli Allievi, ragazzi determinati e consapevoli delle grandi responsabilità che dovranno sostenere.

Prima di andare via, gli ufficiali più giovani non mi hanno risparmiato il tradizionale taglio della cravatta riservato alle autorità in visita ufficiale all’Istituto. È usanza dell’Accademia infatti tagliare la cravatta dell’ospite e conservarla al Circolo, regalandone in cambio una dell’Istituto. Un “trattamento” che in passato è stato riservato anche ai Presidenti Pertini, Ciampi, Cossiga, a Ministri, ai vertici della Difesa, porporati e perfino a Papa Giovanni Paolo II, in questo caso è la papalina a esser custodita nella teca.

I frequentatori oggi sono complessivamente 468, di questi 35 gli stranieri. L’Accademia, assieme a 19 Accademie Aeronautiche europee, fa parte di un consesso internazionale denominato EUAFA (European Air Force Academies) che ha l’obiettivo di armonizzare i percorsi formativi dei propri allievi e, nell’ambito del progetto “Erasmus militare”, consente loro di condividere l’iter addestrativo con quello di colleghi provenienti da altri Paesi.



FONTE : Angelo Tofalo | Movimento 5 Stelle