Visita al Centro Militare di Equitazione dell’Esercito Italiano

Visita al Centro Militare di Equitazione dell’Esercito Italiano

Il Sottosegretario di Stato alla Difesa Angelo Tofalo in visita al Centro Militare di Equitazione Esercito Italiano

Storia, tradizioni e cultura della cavalleria, tra passato e futuro.

Ecco ciò che ho respirato e toccato con mano nel corso della mia visita al Centro Militare di Equitazione dell’Esercito Italiano.

Oggi, accompagnato dal Comandante per la Formazione, Specializzazione e Dottrina dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Salvatore Camporeale, ho avuto modo di immergermi in questa meravigliosa realtà che si occupa della formazione e qualificazione del personale militare nel settore equestre, dell’attività agonistica di eccellenza, dell’addestramento e della valorizzazione della produzione dell’allevamento militare e, infine, del coordinamento di tutta l’attività equestre dell’Esercito Italiano.

Importanti tematiche strettamente legate alla delega sulla promozione e al coordinamento delle attività sportive militari e al personale civile del Dicastero anche nell’ottica della formazione.

Il Colonnello Claudio Romano, da due anni al Comando del Centro Militare di Equitazione, mi ha presentato le principali attività e le progettualità allo studio per estendere la parte formativa al mondo civile e, più in generale, in un contesto interministeriale.

Nel corso della visita ho apprezzato il grande lavoro che il personale militare e civile del Centro svolge combinando passione, amore per il cavallo e tanta, tantissima dedizione.

Dagli impianti sportivi alle scuderie, dalla mascalcia al nucleo allevatoriale sperimentale e addestramento dei puledri.

Abbiamo ripercorso tutta la filiera a partire dall’allevamento, passando per il primo approccio del cavallo con l’umano fino alla parte addestrativa equestre vera e propria.

Per la prima volta ho montato a cavallo in una struttura militare, per me è stato il battesimo della sella e ne sono onorato. Grazie per questa stupenda sorpresa! Pensate che da qui sono passati atleti di fama mondiale come i fratelli D’Inzeo, Angioni e Oppes.

Con grande piacere ho conosciuto il Presidente della sezione di Montelibretti dell’Associazione nazionale dell’Arma di cavalleria, il Generale Francesco Caramia con il quale abbiamo approfondito importanti tematiche legate alla delega per la trattazione delle problematiche concernenti gli enti, le associazioni e gli organismi vigilati dal Ministero della Difesa che mi è stata assegnata dal Ministro.

Infine, sono stato all’Ospedale veterinario militare, altra realtà d’eccellenza dell’Esercito, diretta dal Colonnello Alfonso Giordano.

Questo è l’organo specialistico deputato al ricovero e alla cura dei quadrupedi della Forza armata in territorio nazionale e nei Teatri operativi e, grazie a una serie di convenzioni, assicura anche prestazioni veterinarie di natura specialistica a favore di animali di proprietà privata.



Di Angelo Tofalo:

FONTE : Angelo Tofalo

(Visited 1 times, 1 visits today)