Villetta Cimino, a che punto siamo?

Villetta Cimino, a che punto siamo?

14 views

Risalgono all’ottobre 2018 le prime richieste mosse dal gruppo consiliare Movimento5stelle con cui si chiedevano interventi volti alla riqualificazione di tutte le villette comunali e, in particolar modo, della “villetta Cimino”.

Da subito sono stati segnalati il totale stato di abbandono di molte di queste aree nonché la criticità e l’inadeguatezza di alcune attrezzature ludiche obsolete e fuori norma e, pertanto, pericolose.

Alla nostra mozione, discussa in consiglio il 7 novembre 2018, la maggioranza consiliare rispondeva con una richiesta di rinvio della stessa perché considerata troppo “vincolante”.

Una seconda richiesta di intervento veniva protocollata il 19 febbraio 2019, con la quale invitavamo l’amministrazione comunale a destinare alla riqualificazione della villetta in questione parte dei contributi assegnati al nostro Comune (70.000 euro circa) con la legge di bilancio 2019.

Nell’attesa di una qualche risposta o intervento concreto, continuavano le segnalazioni dei pericoli (bulloni sporgenti, pavimentazioni sconnesse, seggiolini danneggiati) che periodicamente riscontravamo e che, di tanto in tanto, venivano soppressi o sistemati alla meno peggio.

Finalmente il 6 giugno 2019 si tornava sull’argomento. Il consiglio comunale approvava all’unanimità la proposta progettuale “lavori di manutenzione straordinaria Corso Garibaldi (Magna via Francigena) e riqualificazione villetta Collodi-Cimino per una migliore fruizione turistica del patrimonio culturale”. Lavori realizzabili grazie a dei fondi regionali assegnati al nostro Comune per un importo totale di 67.242,44 euro.

il 22 aprile 2020 è stato finalmente approvato il progetto in linea amministrativa dando mandato  all’ufficio tecnico di “adottare gli atti consequenziali”.  Abbiamo trasmesso richiesta di accesso agli atti con l’obiettivo di rendere pubblico il progetto così da individuare e risolvere anzitempo eventuali criticità 2



Di Grotte 5 Stelle:

FONTE : Grotte 5 Stelle