Vaccini. 30enni non accedono a prenotazione: rassicurare trentenni impossibilitati a prenotare. Problema noto andava risolto in anticipo

A quanto ci risulta numerosi trentenni che lavorano e sono residenti in Lombardia ma provenienti da altre regioni non sono riusciti nelle ultime ore a prenotare il vaccino. Il problema, già noto con la categoria dei quarantenni, poteva essere ampiamente evitato.

Mi auguro che Moratti oltre a spiegare che cosa è successo, risolva rapidamente l’intoppo. Lo slogan leghista prima i lombardi si deve tenere fuori dalla campagna vaccinale: dobbiamo vaccinare rapidamente tutti.

Questi giovani lavorano da anni nella nostra regione, vederli penalizzati nella campagna vaccinale è assurdo. Ora stanno chiamando il call centre ma, ci risulta, che le attese siano molto lunghe. Vogliamo rassicurarli?

A quanto pare l’oliata macchina vaccinale messa in piedi dal centrodestra ha bisogno di ulteriore manutenzione. Non sia mai in Lombardia che i problemi si risolvano prima di crearli ai cittadini, ma a questo il centrodestra ci ha ormai abituato.



Di Massimo De Rosa:

FONTE : Massimo De Rosa