Compriamo e tuteliamo il vero Made in Italy.

Un grande spettacolo che ha emozionato milioni di telespettatori, in attesa di riportare sugli spalti il pubblico.

A Imola, però, erano presenti 50 tra medici e infermieri invitati dalla Regione Emilia-Romagna ad assistere al Gran premio. Un piccolo gesto per dire grazie alle nostre forze bianche che non hanno smesso un attimo di combattere contro il covid.

Il Gp del Made in Italy non ha deluso le aspettative, ha trionfato Verstappen e le Ferrari di Leclerc e Sainz hanno sfiorato il podio, piazzandosi al quarto e quinto posto.

Ma oggi ha vinto l’Italia, le nostre eccellenze.

Orgogliosi di aver creduto in questo progetto e del lavoro portato avanti al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale grazie anche all’impegno del sottosegretario Manlio Di Stefano.

Compriamo e tuteliamo il vero Made in Italy. - M5S notizie m5stelle.com

Dobbiamo sfruttare eventi internazionali come quello di oggi per continuare a rilanciare il vero Made in Italy nel mondo.
Quello del “falso” Made in Italy è un business che va fermato. Parliamo di un giro d’affari di circa 100 miliardi di euro.
Oltre a dare strumenti concreti alle piccole e medie imprese per esportare all’estero i prodotti italiani, come il patto per l’export, dobbiamo anche fronteggiare il falso con decisione.

Da qui nasce l’idea della piattaforma www.madeinitaly.gov.it, realizzata da ICE-Agenzia, che abbiamo visto anche lungo il circuito del Gran premio di Imola.
Abbiamo creato un portale con i principali marketplace del mondo che contengono i prodotti di casa nostra: è un accordo per cui paghiamo alle imprese italiane, in parte o interamente, l’inserzione del “negozio virtuale”.

Così da promuovere il “Brand Italia”, quello vero, che ci rende orgogliosi, che fa lavorare le nostre aziende e crea occupazione nel nostro Paese.
Compriamo e tuteliamo il vero Made in Italy.

Luigi Di Maio