UN BONUS ENERGIA PER LE IMPRESE PIÙ RINNOVABILI CONTRO IL CARO BOLLETTE

L’attacco russo all’Ucraina ha tra le sue conseguenze indirette l’aggravarsi della crisi energetica: in Italia come in tutta Europa, il caro energia mette in grande difficoltà famiglie e imprese.

Servono misure immediate sia da parte del governo sia da parte delle istituzioni comunitarie: il Movimento 5 Stelle ha già fatto le sue proposte, messe a punto come sempre ascoltando gli operatori del settore.

Tra queste c’è il bonus energia per le piccole e medie imprese, con un credito di imposta all’80% per chi installa impianti per l’autoproduzione di energia rinnovabile. Poi c’è l’electricity release, accordi finalizzati a dare energia pulita alle imprese a prezzo fisso per lunghi periodi.

Servono anche investimenti massicci nell’efficienza energetica e nelle rinnovabili, nei sistemi di accumulo e nelle cosiddette reti intelligenti per la distribuzione dell’energia in base ai bisogni effettivi.

Le ecoenergie sono le sole davvero sicure, subito disponibili e a basso costo e le uniche in grado di renderci indipendenti da dinamiche geopolitiche e condotte speculative, come quelle a cui assistiamo in questi giorni.



Di Tiziana Ciprini:

FONTE : Tiziana Ciprini