Ubriachi di delusioni, si attaccano alle stelle per resuscitare.

Ubriachi di delusioni, si attaccano alle stelle per resuscitare.

di Bruno Fusco (Categoria: Attivisti)

UBRIACHI DI DELUSIONI

Eravamo un gruppo di amici con molte cose in comune, la musica era quella che ci teneva meglio compagnia, ci piaceva sia suonarla, sia ascoltarla, e i sogni nel futuro ci facevano brillare gli occhi.
Ma, come tutte le cose, anche i sogni svaniscono, e ognuno prendeva strade diverse, non dimentico mai, quel mio amico, anticonformista, che a scuola d’arte era tra quelli tipo Festival di Woodstock, con aspirazioni di cambiare il mondo, non me lo ritrovo, anni dopo, in giacca e cravatta che vendeva la Folletto?
Si portava molto essere comunisti, in certi contesti faceva moda, di solito erano i figli dei benestanti, zone alte di Napoli, ma anche in periferia, il partito comunista aveva fatto presa, sempre per il culo, ma aveva fatto presa.
La periferia esprimeva deputati con la pala, e più venivano eletti, più la periferia veniva abbandonata, intanto crescevano le case ghetto, la camorra, e la monnezza, e i morti si contavano a centinaia.
Nel dopo terremoto dell’ottanta la mangiatoia si è aperta per tutti, e quando c’era un cesso di palazzone da piazzare la periferia è stata sempre violentata, case di cartone per gente di cartone!
Ma si restava comunisti, e mentre si teneva il pugno alzato, i dirigenti di partito si dividevano posti di lavoro nei concorsi pubblici, come opposizione responsabile, insieme al pentapartito! E altri amici, con cui dividevo figurine di calcio, li vedevo fare figure di merda, ma il posto di lavoro, era il posto, traditori? Mah…
Il mito a Napoli era Gava, con il suo pupillo Vito Alfredo, mister centomila preferenze, facile capire il perché, aveva la fila nel suo studio, mentre il collocamento era vuoto!
Ovviamente, passava dalla DC a Forza Italia.
Quello che succedeva nel ’94 è noto a tutti, stragi di mafia e giudici ammazzati.
E mentre io m’innamoravo, politicamente, di Beppe Grillo, altri restavano comunisti, e nel frattempo il PCI diventava PDS!
La Campania, con Bassolino, dal 2000 al 2010, cadeva nella merda più assoluta! E così Napoli con la Iervolino, una coppia nefasta, che ha fatto più danni della peste del 1656!
Ma si restava comunisti, martellate sulle palle e pugno alzato, imperterriti! E poi ancora soddisfazioni: Veltroni, Franceschini, Epifani, Renzi, Martina, Zingaretti, questi ancora parlano di programma, di soluzioni, di cambiamento, parlano di recuperare i danni che loro stessi hanno fatto, parlano di lavoratori, di pensionati, di scuola, di sanità, e hanno dimenticato i favori a Berlusconi, la carica dei 101, favori alle banche, ai prenditori, a Mafia Capitale, allo sfruttamento dei migranti, un partito con 1043 amministratori indagati, Presidenti di Regioni arrestati, i SI TAV con i trapani pronti a bucare montagne, e il loro silenzio vergognoso sulla valutazione della Corte dei Conti Europea che ha definito il TAV: costoso, inutile e inquinante!
E qualcuno ancora ci crede, parla ancora di comunismo, ubriachi di delusioni, si attaccano alle stelle per resuscitare.
Purtroppo, anche qualche mio amico, con cui giocavo a pallone e sognavo di cambiare il mondo, povero coglione, mentre io ho trovato le stelle, lui è rimasto ancora bloccato nel traffico, tornando dal funerale di Berlinguer!

(Visited 1 times, 1 visits today)