TURISMO: BONUS DI 600 EURO ANCHE PER I LAVORATORI STAGIONALI DEL COMPARTO

TURISMO: BONUS DI 600 EURO ANCHE PER I LAVORATORI STAGIONALI DEL COMPARTO

La Corte dei Conti ha dato il via libera al decreto che estende la possibilità di accedere al bonus da 600 euro anche ai lavoratori del turismo che erano rimasti esclusi dal beneficio, poiché assunti a tempo determinato nonostante lavorassero a tutti gli effetti come stagionali.

Ora che il decreto è stato pubblicato, spetterà all’Inps agire nel modo più rapido possibile, affinché vengano avviate le procedure per la richiesta del bonus e la sua erogazione.

I requisiti per ottenerlo sono:

 uno o più contratti di lavoro a tempo determinato nel settore del turismo e degli stabilimenti termali nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 17 marzo 2020 della durata complessiva di almeno trenta giornate;

 nell’anno 2018 uno o più contratti a tempo determinato o stagionale nel settore del turismo e degli stabilimenti termali della durata complessiva di almeno trenta giornate;

 assenza, all’entrata in vigore del decreto, della titolarità di pensione o rapporto di lavoro dipendente.

Il bonus 600 euro non è cumulabile con:
– trattamenti di cassa integrazione per l’emergenza COVID-19;
– bonus 600 euro e 1.000 euro del decreto Cura Italia e Rilancio, come anche gli altri bonus con decreti del ministero per i professionisti iscritti alle casse private;
– con il bonus colf e badanti del dl Rilancio;
– con il Reddito di Emergenza;
– con il Reddito di Cittadinanza.

L’impegno preso dalla ministro del Lavoro Nunzia Catalfo per i mesi di marzo, aprile e maggio, ora prenderà forma: una correzione necessaria per tutti quei lavoratori stagionali del comparto turistico, tra i più colpiti dalla pandemia. 

TURISMO: BONUS DI 600 EURO ANCHE PER I LAVORATORI STAGIONALI DEL COMPARTO - m5stelle.com - notizie m5s



Di Tiziana Ciprini:

FONTE : Tiziana Ciprini