SVIMEZ, M5S: IL REDDITO DI CITTADINANZA HA RIDOTTO POVERTA’ AL SUD E SI CONFERMA MISURA CENTRALE IN PERIODO DI CRISI

Il rapporto Svimez presentato ieri ci restituisce un dato importante sull’effetto che il Reddito di Cittadinanza ha avuto in particolare al Sud nel contrasto alla povertà: nel 2019 l’incidenza della povertà è passata dal 7 al 6,4% e quella individuale è scesa dall’8,4% al 7,7%.

Si tratta di numeri che confermano quanto questa misura che ha raggiunto 3 milioni e mezzo di persone sia fondamentale, in particolare per intervenire sul disagio socio-economico di molti cittadini nelle aree più svantaggiate del Paese.

Sappiamo che la situazione di crisi generata dalla pandemia da Covid 19 ha inciso in maniera negativa sui livelli di povertà nel nostro Paese, ma siamo per questo ancora più convinti che l’insistenza di tutto il Movimento 5 Stelle sulla centralità del Reddito di Cittadinanza sia giusta, nel rispetto di quanti vivono in una situazione di difficoltà.

Continueremo a lavorare in Parlamento già con le nostre proposte per integrare la legge di Bilancio e rendere sempre più efficace lo strumento del Reddito di Cittadinanza che rimane una riforma complessa nelle sue varie componenti, soprattutto per quanto riguarda la parte relativa all’inserimento lavorativo dei beneficiari. A tal riguardo, gli investimenti già annunciati per favorire la formazione e la riqualificazione dei lavoratori con i 500 milioni del fondo per le politiche attive del lavoro si vanno ad aggiungere allo sforzo fatto dal ministro Catalfo per la creazione del Fondo Nuove Competenze da 730 milioni di euro e per gli sgravi contributivi per giovani e donne che serviranno ad accompagnare la ripresa del mondo del lavoro in questa difficile fase.



Di Tiziana Ciprini:

FONTE : Tiziana Ciprini