Stabilizzazione precari della Sanità grazie a un subemendamento proposto da cinque portavoci al Senato del M5S.

Grazie a un subemendamento (55.0.2000/4 alla manovra di Bilancio 2020) proposto da cinque portavoci al Senato del M5S (Castellone, Marinello, Mautone, Di Marzio, Pisani, Donno) nella giornata di ieri si è conseguito un importante risultato: la stabilizzazione di tantissimi lavoratori precari del comparto sanità. Lavoratori che sono stati protagonisti anche in Basilicata delle cronache delle ultime settimane e degli ultimi consigli regionali.

Il subemendamento consente di prorogare al 31 dicembre 2019 il termine ultimo previsto per maturare i requisiti previsti dalla Legge Madia: legge che prevede la possibilità per le amministrazioni pubbliche, fino al 31 dicembre 2022, di stabilizzare a tempo indeterminato ma che limita, nel testo vigente, al 30 giugno 2019 la data entro la quale i precari potevano maturare i requisiti necessari per essere stabilizzati (tra cui aver raggiunto un’anzianità di servizio di almeno 36 mesi). Grazie al subemendamento Castellone potranno quindi essere stabilizzati i precari dell’Ospedale San Carlo per i quali era inapplicabile la legge Madia non avendo raggiunto i 36 mesi di lavoro presso la struttura ospedaliera.

Ancora una volta il M5S dimostra che la propria presenza al Governo è giustificata da azioni concrete a favore dei cittadini e a tutela dei diritti dei lavoratori. La propaganda la lasciamo volentieri agli altri.

Movimento 5 Stelle



Di :

FONTE :