SOTTOSEGRETARIA NESCI: LAVORIAMO PER L’ALTA VELOCITÀ

Oggi ho avuto il piacere di partecipare al Consiglio comunale aperto di #Paola (CS). La città di Paola rappresenta da sempre uno degli snodi principali del trasporto ferroviario e del turismo calabrese. Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza prevede un investimento di 11,2 mld specificamente destinato ai collegamenti ferroviari ad alta velocità verso il Sud per passeggeri e merci a lunga percorrenza. La linea Salerno-Reggio Calabria costituisce oggi più che mai una delle sfide più rilevanti per lo sviluppo del Sud ed in prospettiva un valore aggiunto per i collegamenti nazionali ed europei.

Procederemo per gradi puntando su tre progetti principali. La realizzazione dell’alta velocità sul tratto Battipaglia-Praia a Mare, che seguirà il tratto autostradale onde evitare un impatto sulla costiera del Cilento, il tratto Praia a Mare-Tarsia, per offrire uno snodo verso Sibari e la tratta Jonica; infine la nuova galleria ferroviaria tra Paola e Cosenza. Da Paola in giù a mio avviso sarebbe auspicabile investire sulla riqualificazione dell’attuale linea ferrata costiera, adeguandola all’alta velocità, piuttosto che idearne una nuova nell’entroterra.

L’AV sul litorale tirrenico risulterà fondamentale anche nell’ottica della salvaguardia del turismo religioso, l’hinterland paolano è uno dei principali luoghi di culto della comunità cristiana a livello mondiale. Assolutamente edificante è stato l’incontro con i Frati Minimi del Santuario di Paola, una visita a cui tenevo in particolar modo, essendo San Francesco Patrono della Calabria e della gente di mare.

Di altra natura e arricchente in egual misura si è rivelato l’incontro ad #Amantea con Sua Eccellenza l’Ambasciatore Gianludovico De Martino dell’ ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane. La sezione calabrese di ADSI lavora in prima linea per la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio storico-architettonico del nostro territorio, le realtà come ADSI rappresentano i pilastri da cui ripartire per promuovere nuove forme di turismo sostenibile.



Di Dalila Nesci:

FONTE : Dalila Nesci