Social network, pandemia e salute mentale

Social network, pandemia e salute mentale

Di Il Blog di Beppe Grillo:

I social network sono da sempre un diario che memorizza il modo in cui i cittadini vivono momenti storici. Nel caso della pandemia, sono serviti da valvola di sfogo per milioni di utenti che li hanno utilizzati per condividere le loro preoccupazioni e disagio di fronte a una situazione così drammatica e incerta. Sulla base di ciò, alcuni studiosi del MIT e dell’Università di Harvard hanno analizzato le conversazioni che sono state pubblicate durante questi mesi per scoprire come è stata influenzata la salute mentale degli utenti. La loro ricerca, pubblicata sul Journal of Medical Internet Research, rivela che gli utenti fanno più riferimenti alla loro ansia e parlano più di suicidio rispetto a prima del coronavirus.

La conclusione dello studio si adatta anche alla percezione che gli psicologi hanno avuto con i loro pazienti. Dall’inizio della pandemia, i supporti psicologici si sono concentrati su ansia, gestione del dolore, lutti, problemi di relazione, perdita del lavoro e profonda solitudine.

Questi cambiamenti nelle esigenze dei pazienti sono emersi dalla rete. Utilizzando tecniche di apprendimento automatico per analizzare il contenuto di 826.961 utenti unici dal 2018 al 2020, i ricercatori di Harvard hanno riscontrato cambiamenti nel tono e nel contenuto del linguaggio che i cittadini utilizzavano durante la prima ondata della pandemia. La loro analisi ha rivelato diversi cambiamenti chiave nelle conversazioni: hanno riscontrato un aumento generale dei riferimenti all’ansia e al suicidio.

“Abbiamo scoperto che sono emerse discussioni relative al suicidio e alla solitudine. Il numero di post in questi gruppi è raddoppiato durante la pandemia rispetto agli stessi mesi dell’anno scorso, il che è motivo di grande preoccupazione”, afferma Daniel Low, dottorando di Harvard e del MIT Speech and Hearing Technology and Bioscience Program e autore principale dello studio. Sebbene gli autori chiariscano che non possono indicare la pandemia come l’unica causa dei cambiamenti linguistici osservati, sottolineano che “c’è stato un cambiamento molto più significativo durante il periodo da gennaio ad aprile 2020 rispetto agli stessi mesi del 2019 e 2018 “.

Utilizzando vari tipi di algoritmi di elaborazione del linguaggio naturale (PNL), i ricercatori hanno misurato la frequenza delle parole associate ad argomenti come ansia, morte, isolamento e abuso di sostanze e post raggruppati in base alle somiglianze nella lingua utilizzata. Hanno scoperto che la maggior parte degli utenti ha iniziato a parlare di COVID-19 a marzo, ma quelli che hanno affermato di soffrire di ansia per la salute hanno iniziato molto prima, a gennaio. Con il progredire della pandemia, la lingua utilizzata da tutti gli utenti ha cominciato a somigliarsi di più.

L’analisi ha anche rivelato l’impatto del coronavirus su persone che già soffrivano di qualche tipo di malattia mentale prima della pandemia. I gruppi di persone più colpite all’inizio della pandemia erano quelli legati all’ADHD e ai disturbi alimentari. I ricercatori ipotizzano che senza il loro consueto supporto sociale, a causa della quarantena, le persone con questi disturbi trovino molto più difficile controllare le loro condizioni. In quei gruppi, i ricercatori hanno trovato post sull’iperfocus nelle notizie e sulla ricaduta in comportamenti simili all’anoressia.

I risultati potrebbero aiutare i professionisti, e anche i responsabili dei diversi social network, a identificare e aiutare meglio gli utenti che soffrono di qualche tipo di problema legato alla salute mentale. “Questo tipo di analisi potrebbe aiutare a identificare i segmenti della popolazione più vulnerabili quando accade qualcosa di grave, come una pandemia o un disastro naturale”, afferma Low.

A questo link lo studio completo



FONTE : Il Blog di Beppe Grillo