SIT IN PER IL LICENZIAMENTO DEL LAVORATORE MITTAL, GRAVE CHE GIORGETTI NON LI ABBIA ACCOLTI

Questa mattina sono stato al sit in presso il ministero dello Sviluppo economico organizzato per il reintegro di Riccardo Cristello, il lavoratore Mittal (ex Ilva) licenziato per aver condiviso un post su Facebook.

I lavoratori che avevano precedentemente comunicato al Ministero il sit in e che hanno fatto un lungo viaggio da Taranto per essere oggi a Roma, volevano incontrare Giorgetti ma il Ministro non ha avuto tempo per incontrarli.

Reputo molto grave questa carenza d’attenzione da parte del Ministro, non ci si comporta così perché rimanere in silenzio su una vicenda del genere apre inquietanti scenari nei rapporti tra multinazionali e dipendenti.

Il caso, infatti, intacca i diritti costituzionalmente garantiti che in parte nella realtà tarantina sono già sospesi, ma a cui oggi si aggiunge anche l’impossibilità di esprimere il proprio pensiero, pena il licenziamento.

Ringrazio il sindacato USB, unico sindacato sceso in campo per difendere il lavoratore, i registi Ricky Tognazzi e Simona Izzo per dare risalto mediatico a questa ingiustizia, l’ennesima ingiustizia perchè l’ingiustizia a Taranto ormai è diventata una costante.

GIOVANNI VIANELLO