Sanità, Piano operativo da annullare: il centrodestra non sa amministrare

In un sol colpo, il Consiglio regionale ha messo in mostra ancora una volta l’incapacità del centrodestra di amministrare il Molise respingendo il Piano operativo sanitario firmato da Donato Toma, che così è stato bocciato in quanto Commissario ad acta per la sanità e sfiduciato in quanto presidente di Regione. A questo punto Toma dovrebbe prendere atto della situazione e dimettersi: glielo sta indicando la massima assise civica regionale e glielo suggeriscono le proteste di medici, amministratori locali, sindacati e tanti cittadini.

Il confronto è alla base della nostra mozione

In queste settimane abbiamo raccolto proteste e suggerimenti di tutte le parti politiche e sociali, ottenendo un Consiglio monotematico sulla sanità per portare la maggioranza dell’Aula a convergere sulle nostre proposte.
Da sempre siamo convinti che la programmazione sanitaria meriti ascolto, confronto, collaborazione, condivisione.

Gli impegni ottenuti in Aula

La mozione varata in Consiglio impegna il Commissario ad annullare l’adozione del Piano operativo sanitario 2019-2021, avviando sullo stesso Pos un confronto in Commissione consiliare, per audire soggetti civici e istituzionali. Non farlo significherebbe voltare le spalle alle esigenze dei molisani.

Non solo. Il Commissario è stato impegnato a programmare subito un confronto anche sul Piano 2022-2024, coinvolgendo tutte le parti prima di adottare qualsiasi atto di programmazione e indirizzo. Il Molise, infatti, deve riuscire a sfruttare questo momento per ridisegnare la sanità. Al momento non si conosce lo stato di avanzamento del Piano sanitario, non si capisce come si interverrà sulla rete della medicina territoriale, sulle malattie tempo-dipendenti, sulla rete ospedaliera, sulla rete delle emergenze-urgenze, sulla carenza di personale e non esiste un Piano attuativo ‘Agenda Digitale per la Salute’ che determina la gestione del Cup.

Le lacune di un Piano operativo da annullare

Intanto l’Asrem non riesce a gestire neanche l’ordinario e restano a rischio interi reparti. Ne è esempio eclatante l’assenza nel Pos della previsione di un Reparto di Emodinamica all’ospedale Veneziale di Isernia, assenza che siamo certi sarà silenziata fino al termine delle elezioni comunali. Ma il centrodestra allo sbando ha poco da nascondere. Anche ieri la maggioranza ha bocciato l’impegno al Commissario di rivedere subito gli accordi negoziali con i privati.

Ancora una volta abbiamo proposto di riequilibrare il budget destinato alle strutture private accreditate, in particolare Neuromed e Gemelli Molise spa, in modo che le risorse appostate per le cure dei pazienti non residenti in Molise non siano superiori rispetto a quelle previste per i pazienti molisani e prevedendo un blocco assoluto dell’extra-budget come indicato dal Tavolo tecnico. Il rapporto con i privati non è semplice questione ideologica, perché ogni anno la Regione Molise accantona 30 milioni di euro per l’extrabudget: soldi che invece potrebbero servire per la sanità pubblica; soldi che, come abbiamo proposto al presidente, possono essere svincolati creando un fondo con cui finanziare l’extrabudget delle Regioni in piano di rientro, senza incidere sui bilanci regionali. Insomma, la Regione deve cominciare a tarare la programmazione sanitaria sull’interesse della comunità, non sull’interesse del privato.


Toma ammetta l’ingovernabilità del “suo” centrodestra!

Il Molise non merita incapacità politico-amministrativa, né in sanità né in qualsivoglia comparto. Ha invece bisogno di stabilità, a maggior ragione in un periodo di rilancio del Paese e alla vigilia dell’arrivo dei fondi del Pnrr.
Non possiamo presentarci a quest’appuntamento con un centrodestra dilaniato e con un presidente ridicolizzato e sfiduciato dalla sua stessa maggioranza. Se non vuol dimettersi per amore del Molise, Toma si dimetta almeno per semplice amor proprio.



Di MoVimento 5 Stelle Molise:

FONTE : MoVimento 5 Stelle Molise