Rimuovere Tuiach dalla carica di consigliere comunale

Rimuovere Tuiach dalla carica di consigliere comunale - M5S notizie m5stelle.com

“Verificare la sussistenza di possibili cause di sospensione e successiva rimozione del consigliere comunale Fabio Tuiach”. È la richiesta che i Gruppi consiliari del MoVimento 5 Stelle in Consiglio regionale e comunale di Trieste avanzano al presidente della Regione, Massimiliano Fedriga, attraverso una mozione, dove si esprime inoltre “solidarietà a tutte le persone che si siano sentite offese dalle dichiarazioni” fatte dallo stesso Tuiach sui canali social, commentando l’aggressione subita da un attivista Lgbt.

“L’ articolo 40 della legge 142/1990, anche applicabile nella nostra regione – è spiegato nella mozione -, prevede che il sindaco, i presidenti dei consorzi e delle comunità montane, i componenti dei consigli e delle giunte e i presidenti dei consigli circoscrizionali possano essere rimossi quando compiano atti contrari alla Costituzione, per gravi e persistenti violazioni di legge o per gravi motivi di ordine pubblico. In attesa del decreto di rimozione, e in presenza di motivi di grave e urgente necessità, gli stessi amministratori possono essere sospesi. La competenza ad assumere i provvedimenti di rimozione spetta, nel Friuli Venezia Giulia, al Presidente della Regione su conforme deliberazione della Giunta regionale”.

“Abbiamo deciso di presentare questa mozione perché la misura è colma. Sono anni che leggiamo post del consigliere Tuiach, sempre contro le persone appartenenti al mondo Lgbt: non si può più rimanere a guardare e limitarsi a stigmatizzare ogni volta che accade. Riteniamo sia ora che chi ne ha il potere, lo eserciti e valuti di applicare la norma che indichiamo. Definendo le persone omosessuali con termini offensivi, Tuiach non mantiene quel decoro che dovrebbe essere proprio di un membro delle istituzioni – sottolineano gli esponenti M5S -. La libertà di espressione non deve travalicare il limite della dignità altrui, per questo riteniamo necessario un intervento fermo ed esemplare che rientra nelle potestà del Presidente della Regione”.



Di M5S Friuli Venezia Giulia:

FONTE : M5S Friuli Venezia Giulia