Ricostruiamo una società più giusta

Di Il Blog di Beppe Grillo:

di María Fernanda Espinosa – La pandemia COVID-19 ha esposto e, allo stesso tempo, aggravato le disuguaglianze. Se i leader sono seriamente intenzionati a “ricostruire meglio”, le politiche per superare le carenze sistemiche che sono alla base di queste disuguaglianze devono essere al centro delle loro agende.

Una di queste disuguaglianze è proprio il divario di genere. Dall’inizio della pandemia, le donne hanno subìto perdite di posti di lavoro a un tasso più elevato rispetto agli uomini, soprattutto perché sono sovra rappresentate in molti dei settori più colpiti, come la ristorazione e la vendita al dettaglio, e devono affrontare livelli più elevati di precarietà sociale e insicurezza alimentare. La pandemia aumenterà anche il divario di genere nell’impatto della povertà estrema. Inoltre, come hanno sottolineato pensatrici femministe come Silvia Federici, il peso del lavoro domestico, già sproporzionatamente presente sulle spalle delle donne, è aumentato notevolmente durante il lockdown. Allo stesso tempo, la violenza domestica contro le donne è diventata più grave e frequente dall’inizio della pandemia.

Non sorprende che anche la salute mentale delle donne sia stata messa sotto stress in modo sproporzionato nell’ultimo anno. Il peso della pandemia è stato particolarmente pesante per le donne, soggette anche ad altre forme di emarginazione, per razza, età o stato di immigrazione.

Più in generale, la pandemia ha ampliato il divario tra ricchi e poveri. Una manciata di miliardari ha visto la propria ricchezza salire alle stelle nell’ultimo anno, mentre i lavoratori meno qualificati hanno dovuto licenziamenti e riduzioni di reddito molto più gravi rispetto ai lavoratori più qualificati. Il decile di reddito più alto, composto in gran parte dai lavoratori che sono stati in grado di lavorare a distanza durante la pandemia, ha aumentato i loro risparmi, mentre molti lavoratori licenziati si sono indebitati per restare a galla. Ciò ha aumentato il numero di persone sovraindebitate o con un risparmio minimo.

A livello globale, ci sono grandi differenze tra la capacità dei paesi sviluppati e in via di sviluppo di rispondere alla crisi COVID-19. Le economie avanzate hanno mobilitato, in media, il 25% del loro PIL per mitigarne gli effetti, contro il 7% nei paesi in via di sviluppo e solo l’1,5% nei paesi più poveri. E mentre i paesi ricchi potranno vaccinare l’intera popolazione entro la metà del 2022, più di 85 paesi poveri non avranno un accesso diffuso ai vaccini prima del 2023.

In questo contesto, “ricostruire meglio” deve tradursi nella creazione di un’economia che funzioni per tutti, che già nel 2013 l’allora presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, definì “la più grande sfida del nostro tempo”. Ma non si tratta solo di responsabilizzare coloro che sono stati “lasciati indietro” dalla globalizzazione, fornendo più risorse per l’istruzione, la formazione e il rafforzamento delle capacità. Quella “soluzione” ampiamente supportata si basa su ipotesi ottimistiche, ma profondamente imperfette, dell’ordine mondiale contemporaneo.

In effetti, affrontare le attuali disuguaglianze richiede una valutazione molto più completa e critica delle cause sistemiche sottostanti. L’impatto sproporzionato della pandemia sulle donne, ad esempio, è il risultato diretto di regole e norme patriarcali profondamente radicate, che perpetuano strutture segmentate nella casa, nel mercato del lavoro e sul luogo di lavoro.

Gli sforzi per responsabilizzare le donne all’interno del sistema attuale, ad esempio incoraggiando l’imprenditorialità femminile o garantendo la parità di diritti, sono certamente essenziali. Tuttavia, qualsiasi iniziativa che si avvicini alla vera uguaglianza ci richiederà di affrontare gli effetti insidiosi delle dinamiche del potere patriarcale, che comporta la messa in discussione e la riforma del sistema in cui sono incorporate.

Lo stesso vale per colmare il divario tra chi ha e chi non ha, sia all’interno che tra i paesi. Come ha sostenuto l’economista premio Nobel Joseph E. Stiglitz, le regole del gioco sono progettate per rafforzare la posizione di coloro che sono già in cima alla scala dello sviluppo, mentre frenano i meno fortunati. Queste regole hanno avvantaggiato i creditori rispetto ai debitori e hanno alimentato la speculazione piuttosto che gli investimenti produttivi. I diritti di proprietà intellettuale e altre pratiche commerciali restrittive hanno aumentato il potere di mercato delle grandi società transnazionali, inclusi i giganti della tecnologia, sui fornitori e sui consumatori più piccoli, minando così l’innovazione.

Le regole del gioco hanno anche permesso alle grandi aziende di nascondere i loro profitti nei paradisi fiscali, invece di pagare il loro giusto contributo alla società o intraprendere investimenti per creare posti di lavoro. L’effetto di questa dinamica sulla diminuzione delle entrate pubbliche ha indebolito la capacità dello Stato di fornire beni pubblici, correggere i fallimenti del mercato e persino soddisfare i bisogni immediati dei cittadini durante una crisi.

Forse la parte più rischiosa di tutto questo è che la crescente consapevolezza che le disuguaglianze richiedono profondi cambiamenti strutturali ha eroso la fiducia delle persone nelle istituzioni, alimentato la frammentazione politica e il malcontento sociale e portato a una crescente sfiducia tra i paesi. Dallo scetticismo sui vaccini alla mancanza di coordinamento internazionale, la crisi COVID-19 riflette le conseguenze di queste tendenze.

Settantacinque anni fa, la Carta delle Nazioni Unite invocava un’azione collettiva per affrontare le nuove sfide di un mondo interdipendente. Oggi, il nostro mondo è più interconnesso che mai, eppure una disuguaglianza dilagante sta diminuendo la nostra capacità di generare le risposte collettive necessarie ai problemi che dobbiamo affrontare. Per invertire questa tendenza è necessario affrontare le dinamiche di potere ingiuste che sono incorporate nel sistema economico globale.

“Non scommettere sul futuro”, ha avvertito Simone de Beauvoir. “Agisci ora, senza indugio.”

María Fernanda Espinosa è ex presidente dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, ed ex ministro degli esteri e ministro della difesa dell’Ecuador. (Articolo pubblicato su Project Syndicate)



FONTE : Il Blog di Beppe Grillo