Reddito Universale: i risultati dell’esperimento Finlandese

Reddito Universale: i risultati dell’esperimento Finlandese

Di Il Blog di Beppe Grillo:

Il reddito universale in Finlandia ha portato a un piccolo aumento dell’occupazione, ha potenziato di molto il benessere complessivo dei destinatari e rafforzato la posizione sociale individuale. Sono questi alcuni dei risultati finali dell’esperimento finlandese sul Reddito Universale, pubblicati dalla McKinsey.

Crisi economica, globalizzazione e automatizzazione sono diventati i timori più grandi per qualsiasi lavoratore, e così l’idea di un reddito di base universale ha preso piede nel mondo.

Dopo le prime prove dal 1960 al 1980, principalmente in Nord America, negli anni 2000 è nata una nuova ondata di esperimenti, alcuni finanziati da enti di beneficenza, altri dai governi. Alcuni comuni dei Paesi Bassi, Barcellona, la città americana di Stockton, in California, la città brasiliana di Maricá e la provincia di Gyeonggi in Corea del Sud sono tra i luoghi che hanno sperimentato un reddito di base.

Tuttavia, ad oggi la Finlandia è l’unico paese che è riuscito a completare uno studio di controllo a livello nazionale di un programma di reddito di base. I metodi di ricerca utilizzati erano particolarmente diversi e includevano microsimulazioni, sondaggi, collegamento dei dati, interviste approfondite e analisi dei media.

Nello studio biennale della Finlandia, un gruppo di 2.000 persone inizialmente disoccupate selezionate in modo casuale ha ricevuto un pagamento automatico e incondizionato (in contanti) di una modesta somma, 560 euro al mese.

Tutti gli altri disoccupati, che hanno continuato a ricevere prestazioni standard, hanno formato il gruppo di controllo.

Nella progettazione dell’esperimento finlandese, la principale questione di ricerca era l’impatto di un reddito di base sull’occupazione. L’esperimento ha rilevato che il reddito di base ha effettivamente avuto un impatto positivo sull’occupazione. Le persone con reddito di base avevano maggiori probabilità di essere impiegate rispetto a quelle del gruppo di controllo e le differenze erano, anche se piccole, statisticamente significative.

Forse il livello modesto del reddito di base e la mancanza di condizioni per riceverlo ha motivato i destinatari a cercare e accettare un lavoro che altrimenti non avrebbero avuto.

Una lezione fondamentale dell’esperimento finlandese è la complessità delle varie forme di implementazione al reddito che di solito un governo mette in atto. Ci sono i sussidi per i figli, i benefici per l’alloggio, le pensioni, l’assicurazione sanitaria e la tassazione. A meno che le tante politiche non siano razionalizzate, le nazioni potrebbero ridurre i costi considerevoli dei costi amministrativi utilizzando un UBI.

Comunque si leggano i risultati sull’occupazione, altri effetti sono stati chiari: le persone con reddito di base hanno riportato un benessere significativamente migliore su più dimensioni. La soddisfazione di vita media nel gruppo di trattamento era 7,3 su 10, rispetto a 6,8 nel gruppo di controllo, un aumento molto ampio. Per sperimentare un simile aumento della soddisfazione di vita, stimiamo che il reddito di una persona dovrebbe aumentare da 800 a 2500 euro al mese.

Questi significativi risultati positivi sul benessere non sono un mistero: il reddito di base sembra aver migliorato tutte le componenti principali della soddisfazione di vita. Le persone che percepiscono il reddito di base hanno riportato una salute migliore e livelli inferiori di stress, depressione, tristezza e solitudine, tutti fattori determinanti della felicità, rispetto alle persone nel gruppo di controllo. I destinatari del reddito di base hanno anche dimostrato maggiore fiducia nelle proprie capacità cognitive, valutando la propria capacità di ricordare, apprendere e concentrarsi a livelli più elevati rispetto al gruppo di controllo.

E il reddito di base ha permesso alle persone di percepire la loro situazione finanziaria come più sicura e gestibile, anche se i loro redditi non erano più alti di quelli delle persone nel gruppo di controllo. Infine, i beneficiari di un reddito di base hanno espresso livelli più elevati di fiducia nel proprio futuro, nei loro concittadini e nelle loro possibilità in generale.

Speriamo che l’esempio della Finlandia ispiri gli altri Stati almeno a sperimentare sul proprio territorio esperimenti di reddito incondizionato.



FONTE : Il Blog di Beppe Grillo

(Visited 1 times, 1 visits today)