REDDITO DI CITTADINANZA: PIÙ RISORSE PER TUTELARE I CITTADINI IN DIFFICOLTÀ

Durante la pandemia, il Reddito di Cittadinanza è stato il vero argine alla crisi sociale del Paese: non a caso, anche un’autorevole organizzazione internazionale come l’OCSE lo ha promosso rilevando che in Italia “la rete di sicurezza sociale è stata radicalmente migliorata” con il RdC, “che introduce maggiori benefici per le famiglie insieme a condizioni più rigorose”.

I dati resi noti dall’ISTAT la settimana scorsa ci impongono ulteriori sforzi per tutelare i cittadini che versano in condizione di povertà, a iniziare proprio dal rafforzamento del Reddito di Cittadinanza.

Con la legge di Bilancio 2021 prima, e con il decreto Sostegni poi, c’è stato un aumento delle risorse inizialmente stanziate per il RdC, così da dare, unitamente al REm, un aiuto concreto a milioni di cittadini.

In vista della prossima Manovra, riteniamo necessario un ulteriore finanziamento del Reddito di Cittadinanza in modo da garantire maggiore attenzione alle famiglie numerose.

Al contempo, continuiamo a lavorare per riformare e potenziare i Centri per l’impiego, assicurando non solo ai percettori del Reddito, ma anche a disoccupati e lavoratori in transizione un sistema più efficace ed efficiente di politiche attive del lavoro dopo anni di immobilismo.



Di Tiziana Ciprini:

FONTE : Tiziana Ciprini