Povertà educativa, le novità nel DL Sostegni Bis

Misure per favorire le opportunità e per il contrasto alla povertà educativa

Finanziamento dei centri estivi e delle opportunità educative rivolte ai minori per l’anno 2021
Incrementato di 135 milioni di euro il Fondo per le politiche della famiglia. Tali risorse hanno lo scopo
di finanziare le iniziative dei Comuni per potenziare i centri estivi, i servizi socioeducativi territoriali e i
centri con funzione educativa e ricreativa, destinate alle attività dei minori (0-16 anni). Gli interventi
possono essere attuati dal 1° giugno al 31 dicembre 2021, anche in collaborazione con enti pubblici e
privati.
Dal monitoraggio del Dipartimento per le politiche della famiglia è emerso che le risorse fino ad oggi
stanziate per gli obiettivi suddetti sono state utilizzate al 90%. Ciò attesta il successo dell’iniziativa in
questo periodo di oggettiva difficoltà.

Prorogata per il 2022 l’operatività del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile e
rifinanziato il contributo riconosciuto alle Fondazioni bancarie sotto forma di credito di imposta,
incrementandone l’ammontare di ulteriori 45 milioni di euro nel 2021, passando così il contributo da 55
a 100 milioni di euro, e fissandolo in 55 milioni di euro nel 2022.

Misure in materia di prevenzione e contrasto al disagio giovanile

Incrementato di 30 milioni di euro per il 2021 il Fondo per le politiche giovanili, allo scopo di
supportare le ragazze e i ragazzi under 35 nel post pandemia. In particolare, vengono finanziate
politiche di prevenzione e contrasto ai fenomeni di disagio giovanile e comportamenti a rischio, inclusi
quelli dovuti all’uso non consapevole delle piattaforme digitali, anche attraverso attività di assistenza e
supporto psicologico. Vengono inoltre finanziate attività per favorire l’inclusione e l’innovazione
sociale, lo sviluppo individuale e promosse attività sportive.



Di Gallo Luigi – Già Presidente della Commissione Cultura della Camera dei Deputati:

FONTE : Gallo Luigi – Già Presidente della Commissione Cultura della Camera dei Deputati