Piena solidarietà e vicinanza ai lavoratori e alle lavoratrici di Alitalia.

Piena solidarietà e vicinanza ai lavoratori e alle lavoratrici di Alitalia. Un paese senza compagnia di bandiera è un paese senza storia, senza futuro!

Davide Gori

Centinaia di lavoratori della compagnia aerea italiana Alitalia hanno protestato venerdì davanti all’aeroporto internazionale di Roma durante uno sciopero di quattro ore contro quelli che vedono come piani per distruggere il vettore in difficoltà.

Il governo italiano sta negoziando con l’Unione Europea quali aiuti può fornire ad Alitalia in perdita e sta incontrando rigide richieste di “discontinuità economica” mentre il governo crea una nuova società ridotta per sostituire l’entità in bancarotta.

Le condizioni dell’UE includono la richiesta di smettere di usare il nome Alitalia, di rinunciare alle bande orarie all’aeroporto di Linate di Milano e di vendere le parti di gestione e manutenzione dei bagagli a terzi per concentrarsi sull’aviazione, secondo i resoconti dei media italiani.

La nuova società, attualmente ribattezzata ITA, che ne emerge rischia di essere radicalmente più piccola, sia in termini di velivoli che di dipendenti.

Fabio Frati del sindacato dei trasporti USB ha detto che i lavoratori delle compagnie aeree non accetteranno licenziamenti.