Perché l’ambiente è di tutti e sul clima non ci devono essere compromessi #FridayForFuture

Di Il Blog delle Stelle:

Oggi è una giornata importante per il nostro pianeta. In 1300 città in tutto il mondo i cittadini scendono in piazza per chiedere, a gran voce e pacificamente, che i governi si attivino per contrastare il cambiamento climatico.È arrivato il momento di uscire da una mentalità retrograda, la scusa perfetta per tenere in piedi un sistema economico che avvantaggiava una ristretta minoranza e che ci ha imposto una convinzione assurda: essere costretti a scegliere tra l’ambiente, e quindi la nostra salute e quella dei nostri figli, e il lavoro, cioè il sostentamento nostro e della nostra famiglia. Quello era un modello fallimentare che noi vogliamo superare! Un modello in cui vincevano pochi, ma i danni li subivamo tutti: danni alla salute, ai territori in cui siamo nati, all’aria che respiriamo, all’acqua che beviamo e ai prodotti della terra di cui ci nutriamo.Il cambiamento culturale che dobbiamo raggiungere è comprendere che sull’ambiente non ci sono vincitori, né vinti: qui o vinciamo tutti, o perdiamo tutti. Noi ci siamo per ascoltarvi e agire tutti insieme. Perché l’ambiente è di tutti e sul clima non ci devono essere compromessi! #FridayForFuture

Pubblicato da Luigi Di Maio su Venerdì 15 marzo 2019

 

Oggi, 15 marzo, è un giorno importante per il mondo: ci sono oltre 1.300 città in 98 Paesi, in cui studenti – e non solo – manifestano senza bandiere per il clima. L’Italia, con le sue 109 piazze, è tra le prime tre nazioni al Mondo più attive insieme a Germania e Stati Uniti.

E’ uno sciopero pacifico, per il clima lanciato grazie all’iniziativa di Greta Thunberg, una studentessa svedese che sta lottando contro il surriscaldamento globale e l’emergenza climatica.

Ogni anno, in Italia, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità muoiono prima del tempo 90.000 persone a causa dell’inquinamento. E’ una strage silenziosa. E il 95% dei cittadini europei a rischio secondo l’Agenzia Europea dell’Ambiente vivono nel Nord Italia.

Secondo le Nazioni Unite, ci rimangono una decina di anni per agire in maniera decisa e cambiare una situazione che metterà a rischio il futuro della nostra vita sul Pianeta.

Bisogna riflettere su come siamo arrivati fin qui. Uno sviluppo senza limiti, guidato dall’illusione che si possa distruggere l’equilibrio del Pianeta, ha portato al surriscaldamento del clima. I ghiacciai si sciolgono, specie viventi si estinguono, l’aria è sempre più inquinata e avvelenata.

Tutti dobbiamo prenderci le nostre responsabilità. Questi giovani che oggi manifestano parlano a noi e parlano di futuro. Anche coloro che nel passato hanno fatto scelte drammatiche scenderanno in piazza per il clima. Ne hanno diritto, per carità. Ma permettetemi di dire che è facile aderire a manifestazioni per il clima, ma poi dare il via libera a trivelle, inceneritori, discariche…  l’ipocrisia al potere fa più danni dell’inquinamento.

Voglio dirlo chiaramente, e parlo come Ministro dello Sviluppo economico e anche come vicepremier. L’ambiente verrà protetto se troviamo la strada per unire due ambiti che finora si sono fatti la guerra. Produzione di energia, industria automobilistica, sviluppo, realizzare prodotti senza che diventino rifiuti da smaltire, quindi riutilizzabili, riciclabili o compostabili:

Tutto questo, possiamo e dobbiamo immaginarlo come alleato per una riconversione industriale ecologica che non è più rimandabile. Al centro ci deve essere un fattore che tutte le più avanzate ricerche indicano come competitivo per le imprese: la sostenibilità ambientale, alleata del benessere economico e della nostra salute.

Lo sviluppo economico, che è imprescindibile in una società all’avanguardia, può e deve sfruttare le opportunità offerte dalla sostenibilità ambientale. Sono opportunità, non limiti!

Lo dice anche il contratto di Governo: in un futuro sempre più vicino l’economia non dovrà più dipendere dalle fonti fossili come il petrolio e il carbone.  Vi do qualche esempio di quello che abbiamo già fatto:

Trivelle: abbiamo sospeso i permessi per decine di trivellazioni. Vogliamo vederci chiaro e capire se e dove si possono fare.

Per promuovere la mobilità elettrica adesso avete a disposizione un ecosconto fino a 6.000 Euro se volete comprare un’auto elettrica.

E abbiamo messo i primi 33 milioni sul piano per costruire le centraline per le ricariche.

Con il ministro Toninelli lanceremo un Piano per la Mobilità Sostenibile con quasi 4 miliardi nei prossimi 15 anni per Regioni e città per sostituire gli autobus diesel con bus elettrici.

La nuova 500 elettrica verrà prodotta a Mirafiori e aiuteremo anche questo processo industriale importante. Questi sono posti di lavoro che vanno a braccetto con la salute e l’ambiente. E poi abbiamo IL PIANO ENERGIA E CLIMA. L’abbiamo già inviato alla Commissione europea, che dovrà valutarlo.

I punti forti di questo Piano rivoluzionario stanno nel fatto che permette all’Italia di ridurre le emissioni nei settori di almeno un terzo, fino ad arrivare a -60% e in questo modo superiamo anche l’obiettivo fissato dalla Ue.  In questo Piano abbiamo previsto che le fonti rinnovabili, siano sempre più centrali nei settori elettrico, termico e dei trasporti e che passino dall’attuale 18% al 30%. E sono felice di darvi proprio oggi questa notizia: la settimana prossima presenteremo il portale dedicato a questo Piano in cui tutti i cittadini, tutti gli stakeholder potranno dare il loro contributo e informarsi.

Quello che vi voglio dire è che è arrivato il momento di uscire da una mentalità retrograda, che è diventata la scusa perfetta per mantenere in piedi un sistema economico che avvantaggiava solo pochi, una mentalità che ci ha imposto una convinzione assurda: essere costretti a scegliere tra l’ambiente, e quindi la nostra salute e quella dei nostri figli, e il lavoro, cioè il sostentamento nostro e della nostra famiglia. Quello era un modello fallimentare che noi vogliamo superare! Un modello in cui vincevano pochi, ma i danni li subivamo tutti: danni alla salute, ai territori in cui siamo nati, all’aria che respiriamo, all’acqua che beviamo, ai prodotti della terra di cui ci nutriamo. Qui il cambiamento culturale che dobbiamo fare è comprendere che sull’ambiente o vinciamo tutti, o perdiamo tutti.

Abbiamo già aperto la strada. Vogliamo e dobbiamo ascoltare questi giovani che a noi del Movimento 5 Stelle ricordano quelli che oltre dieci anni fa scendevano in piazza per chiedere il cambiamento etico della politica.

Più questi giovani spingeranno verso il cambiamento e verso la riconversione ecologica dell’Italia e del Mondo e più potremo salvare il Pianeta. Tutti insieme. Perché qui i destini del Mondo si salvano solo con una alleanza tra giovani generazioni, industria, ricerca innovativa e ogni parte sociale.

Tra cui la Chiesa. E ricordiamo l’enciclica “Laudato Si’” nel 2015 con Papa Francesco.  Vi auguro Buona marcia,  noi ci siamo per ascoltarvi e per agire tutti insieme. Perché l’ambiente è di tutti e sul clima non ci devono essere compromessi.

L’articolo Perché l’ambiente è di tutti e sul clima non ci devono essere compromessi #FridayForFuture proviene da Il Blog delle Stelle.



FONTE : Il Blog delle Stelle