Per eliminare il razzismo dobbiamo iniziare a misurarlo

Per eliminare il razzismo dobbiamo iniziare a misurarlo

Di Il Blog di Beppe Grillo:

di J. Lo Zippe – Il Dr. Phillip Atiba Goff, del Center for Policing Equity, analizza i dati delle forze dell’ordine statuintensi per aiutare le forze di polizia a eliminare i pregiudizi razziali.

Il punto è questo: non possiamo eliminare il razzismo cercando di cambiare i “cuori e le menti difettosi” o provando a “combattere l’ignoranza”. Non succederà mai. Soprattutto perché ci proviamo con video strappa lacrime o slogan ad effetto. Tutto molto bello, ma anche molto inutile.

Per prima cosa, se vogliamo davvero eliminare il razzismo, dobbiamo misurare i comportamenti e le azioni, cercare di contestualizzarle e poi cercare di cambiare le cause di tutto ciò.

Prendiamo come esempio la straziante e terrificante storia di Emmett Till. Nel 1955, il ragazzo nero di 14 anni fu falsamente accusato di molestie sessuali da una donna bianca nel Mississippi, poi brutalmente torturato e assassinato dal marito bianco della donna e dal suo fratellastro bianco. L’accusatore di Till è ancora vivo decenni dopo, e recentemente ha ammesso la sua bugia. “Questo pentimento lo rende migliore, Emmett Till è ancora morto!”

Invece di pensare al razzismo in termini di credenze e sentimenti, dobbiamo cercare di definire il razzismo “come un modello di comportamenti che svantaggiano un gruppo razziale e avvantaggiano un altro gruppo razziale, nonché i sistemi che lo facilitano”. Se definiamo il problema in questo modo, è possibile iniziare a renderlo risolvibile. Questo perché a differenza dei nostri cuori e delle nostre menti, i modelli di comportamento possono essere chiaramente misurati e modificati.

Ma come la misurazione porta al cambiamento?

Il Center for Policing Equity raccoglie e analizza i dati delle forze dell’ordine e li integra con dati su dati demografici, istruzione, luoghi di residenza e reddito, per identificare quali disparità razziali. Per esempio esaminando i dati, il Center for Policing Equity, ha riscontrato un uso sproporzionato della forza a seguito di inseguimenti. C’è una spiegazione scientifica del perché ciò potrebbe accadere: quando un ufficiale di polizia corre a piedi, la frequenza cardiaca e l’adrenalina dell’ufficiale aumentano, rendendoli più aggressivi. Questa conoscenza ha permesso loro di implementarei cambiamenti, come richiedere all’agente di contare fino a dieci o attendere fino all’arrivo di un collega prima di interagire con l’individuo. Di conseguenza, l’uso della forza in questi incidenti è calata del 23%. E nelle forze di polizia negli Stati Uniti, ha contribuito a ridurre gli arresti del 25% e l’uso della forza del 26%.

Questo tipo di misurazione è letteralmente una questione di vita o di morte nelle attività di polizia. Può fare davvero la differenza in questioni commerciali come marketing e assunzione. Come le forze di polizia, le aziende e le organizzazioni possono combattere il pregiudizio razziale misurando e analizzando i dati e quindi intraprendendo azioni concrete.

Le aziende misurano già finanze e prestazioni. Ma nella nuova era del capitalismo, devono anche misurare i valori. Se un’azienda “non ha capito come misurare i modi in cui facilita gli impatti del razzismo sulle comunità che tocca, è a rischio sia morale che finanziario. Questo soprattutto oggi”.

Ricordiamo che il pregiudizio è normale e radicato nella cultura di ogni popolo. Il più diffuso infatti è quello di genere. Ancora oggi nel 2020 metà del pianeta, gli uomini, pensano di essere migliori dell’altra metà, le donne. Pensano di poter fare lavori, mansioni e attività che le donne non possono fare. Il problema è che la maggior parte delle donne è d’accordo con questa visione, perché se ne è convinta.



FONTE : Il Blog di Beppe Grillo