Obiettivo 2% per la Difesa italiana

Scopri di più sui Servizi Segreti

La Germania ha annunciato la decisione di destinare più del 2% del Pil tedesco alla Difesa, puntando su riforme strutturali dell’intero comparto. La scelta è probabilmente una conseguenza dell’invasione decisa da Vladimir Putin contro l’Ucraina, ma risponde a una necessità individuata dall’Occidente già dal 2014.

Di fronte a questo cambio di passo, l’Italia è pronta ad avviarsi lungo lo stesso percorso?

Ne abbiamo parlato ieri al live talkObiettivo 2%. La Difesa italiana all’esame di maturità”, organizzato da Airpress.

Ci siamo confrontati in un interessante dibattito a cui, oltre me, hanno partecipato il Sottosegretario alla Difesa Giorgio Mulè, il presidente del Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica (Copasir) Adolfo Urso, i colleghi membri della commissione Difesa della Camera dei deputati, Roberto Paolo Ferrari, Alberto Pagani e Maria Tripodi.

A moderare il dibattito Flavia Giacobbe, direttore delle riviste Airpress Formiche.

Scopri di più sui Servizi Segreti


Di Angelo Tofalo:

FONTE : Angelo Tofalo