Nuove tecnologie alimentari per restituire alla natura l’80% dei terreni agricoli del mondo

Di Il Blog di Beppe Grillo:

Ecco il problema di fondo per la conservazione a livello globale: la produzione alimentare, la biodiversità e lo stoccaggio del carbonio negli ecosistemi si contendono la stessa terra. Man mano che gli esseri umani richiedono più cibo, vengono disboscate più foreste e altri ecosistemi naturali e le fattorie si intensificano e diventano meno ospitali per molti animali e piante selvatiche. Pertanto la conservazione globale, attualmente incentrata sul vertice della COP15 a Montreal, fallirà a meno che non affronti il problema di fondo della produzione alimentare.

Fortunatamente, si stanno sviluppando tutta una serie di nuove tecnologie che rendono fattibile una rivoluzione a livello di sistema nella produzione alimentare. Secondo la recente ricerca (di Chris D Thomas), questa trasformazione potrebbe soddisfare l’aumento della domanda globale di cibo da parte di una popolazione umana in crescita su meno del 20% dei terreni agricoli esistenti nel mondo. In altre parole, queste tecnologie potrebbero liberare almeno l’80% dei terreni agricoli esistenti dall’agricoltura in circa un secolo.

Circa quattro quinti della terra utilizzata per la produzione alimentare umana è destinata alla carne e ai prodotti lattiero-caseari, compresi i pascoli e le colture coltivate appositamente per nutrire il bestiame. Aggiungiete l’intera India, Sud Africa, Francia e Spagna e otterrete la quantità di terra dedicata alle colture che vengono poi nutrite per il bestiame.

Le enormi fattorie di soia del Brasile producono principalmente alimenti per animali, non per esseri umani. lourencolf / shutterstock
Nuove tecnologie alimentari per restituire alla natura l’80% dei terreni agricoli del mondo - M5S notizie m5stelle.com

Nonostante il numero crescente di vegetariani e vegani in alcuni paesi, il consumo globale di carne è aumentato di oltre il 50% negli ultimi 20 anni ed è destinato a raddoppiare in questo secolo. Allo stato attuale, produrre tutta quella carne in più significherà convertire ancora più terra in fattorie o stipare ancora più mucche, galline e maiali nella terra esistente. Nessuna delle due opzioni è buona per la biodiversità.

La produzione di carne e latticini è già un affare dannoso. Ad esempio, la maggior parte dei polli viene allevata in gabbie ad alta densità e l’allevamento di carne di maiale, manzo e soprattutto latticini sta procedendo sulla stessa strada. Le tecnologie attuali sono crudeli, inquinanti e dannose per la biodiversità e il clima: non lasciatevi ingannare dai cartoni animati di mucche felici con le margherite che sporgono dalle loro labbra.

Dobbiamo affrontare la causa del cambiamento della biodiversità. Il principale approccio globale al cambiamento climatico è concentrarsi sulla causa e ridurre al minimo le emissioni di gas serra. Lo stesso è necessario per la biodiversità.

Quindi, come possiamo farlo?

L’agricoltura cellulare fornisce un’alternativa e potrebbe essere uno dei progressi tecnologici più promettenti di questo secolo. A volte chiamato “cibo coltivato in laboratorio”, il processo prevede la coltivazione di prodotti animali da cellule animali reali, piuttosto che la crescita di animali reali.

Se coltivare carne o latte da cellule animali vi sembra strano o disgustoso, mettiamolo in prospettiva. Immaginate un birrificio o un caseificio: una struttura sterile riempita di vasche di metallo, che produce grandi volumi di birra o formaggio e utilizza una varietà di tecnologie per mescolare, fermentare, pulire e monitorare il processo. Scambiate l’orzo o il latte con cellule animali e questa stessa struttura diventa un produttore sostenibile ed efficiente di latticini o prodotti a base di carne.

La crudeltà sugli animali verrebbe eliminata e, senza bisogno di mucche che vagano nei campi, la fabbrica occuperebbe molto meno spazio per produrre la stessa quantità di carne o latte.

Nuove tecnologie alimentari per restituire alla natura l’80% dei terreni agricoli del mondo - M5S notizie m5stelle.com
La sala di coltivazione della Upside Foods, con sede in California, che utilizza l’agricoltura cellulare per produrre carne. David Kay

Altre tecnologie emergenti includono la produzione di proteine microbiche, in cui i batteri utilizzano l’energia derivata dai pannelli solari per convertire l’anidride carbonica e l’azoto e altri nutrienti in carboidrati e proteine. Questo potrebbe generare tante proteine quanto i semi di soia, ma solo nel 7% dell’area. Questi potrebbero quindi essere utilizzati come additivi alimentari proteici (un uso importante della soia) e mangimi per animali (anche per animali domestici).

È persino possibile generare zuccheri e carboidrati utilizzando la desalinizzazione o estraendo CO2 dall’atmosfera, il tutto senza mai passare attraverso una pianta o un animale vivente. Gli zuccheri risultanti sono chimicamente gli stessi di quelli derivati dalle piante, ma verrebbero generati in una minuscola frazione dell’area richiesta dalle colture convenzionali.

Cosa fare con i vecchi terreni agricoli

Queste nuove tecnologie possono avere un impatto enorme anche se la domanda continua a crescere. Anche se la ricerca si basa sul presupposto che il consumo globale di carne raddoppierà, suggerisce comunque che almeno l’80% dei terreni agricoli potrebbe essere utilizzato per qualcos’altro.

Quella terra potrebbe diventare riserva naturale o essere utilizzata per immagazzinare carbonio, ad esempio nelle foreste o nei terreni impregnati d’acqua delle torbiere. Potrebbe essere utilizzata per coltivare materiali da costruzione sostenibili o semplicemente per produrre raccolti più commestibili per l’uomo, tra gli altri usi.

Spariranno anche i sistemi di allevamento industriale che producono enormi volumi di letame, ossa, sangue, budella, antibiotici e ormoni della crescita. Successivamente, qualsiasi allevamento di bestiame rimanente potrebbe essere gestito in modo umano.

Dal momento che ci sarebbe meno stress sulla terra, ci sarebbe meno bisogno di sostanze chimiche e pesticidi e la produzione agricola potrebbe diventare più rispettosa della fauna selvatica (l’adozione globale dell’agricoltura biologica non è attualmente fattibile perché è meno produttiva). Questa transizione deve essere accompagnata da una transizione completa verso l’energia rinnovabile poiché le nuove tecnologie richiedono molta energia.

La conversione di queste tecnologie in sistemi di produzione per il mercato di massa sarà ovviamente complicata. Ma un fallimento in tal senso potrebbe portare a un’intensità di allevamento sempre crescente, a un numero crescente di animali confinati e a una natura perduta.

Evitare questo destino – e raggiungere la riduzione dell’80% dei terreni agricoli – richiederà molta volontà politica e un’accettazione culturale di queste nuove forme di cibo. Richiederà “carote” economiche e politiche come investimenti, sussidi e sgravi fiscali per le tecnologie appetibili, e “bastoni” come l’aumento della tassazione e la rimozione dei sussidi per le tecnologie dannose. A meno che ciò non accada, gli obiettivi di biodiversità continueranno a non esserci, COP dopo COP.

Ricerca a cura di Chris D Thomas – Director of the Leverhulme Centre for Anthropocene Biodiversity, University of York -, Jack Hatfield – Postdoctoral Research Associate, Leverhulme Centre for Anthropocene Biodiversity, University of York -, Katie Noble – PhD Candidate, Leverhulme Center for Anthropocene Biodiversity, University of York -, pubblicata su The Conversation



FONTE : Il Blog di Beppe Grillo