No alla desertificazione dei centri storici. Varata al’Ars legge M5S che ne promuove l’autorecupero grazie a contributi sui mutui

No alla desertificazione dei centri storici. Varata al’Ars legge M5S che ne promuove l’autorecupero grazie a contributi sui mutui

Un passo avanti contro la desertificazione e l’abbandono degli immobili nelle città siciliane, e specialmente quelli ubicati nei centri storici. È stata approvata all’Ars la legge M5S, prima firmataria Stefania Campo,  che ne  promuove il recupero, grazie a contributi sugli interessi dei mutui a favore delle cooperative di recupero che abbiano fatto ricorso al credito per il recupero e/o per la rigenerazione urbana di immobili già esistenti, al pari delle già note cooperative edilizie.

“Sempre meno persone – dice Campo – vivono in centro storico in tutta la Sicilia: le case perdono valore e i luoghi si svuotano. Questa legge è un atto concreto che mira ad arrestare questo fenomeno.  I dati allarmanti dell’ultimo censimento evidenziano lo svuotamento dei centri storici siciliani, il 42% di quello ragusano, ad  esempio,  è vuoto, Ragusa e Caltanissetta hanno i prezzi medi più bassi tra gli ultimi 20 centri storici in Italia”. 

“L’autorecupero associato – continua Campo – può diventare un’ottima misura integrata di housing sociale e dare una risposta concreta al disagio abitativo. Senza dovere costruire nuove case, si potranno riutilizzare spazi già destinati ad altri scopi, contrastando lo snaturamento dei centri storici e l’espulsione delle fasce sociali storicamente presenti nell’edilizia minore delle città.  Questa legge ha un carattere sociale marcato e si lega alla scelta verde di ridurre il consumo di suolo, di contenere le speculazioni e di custodire l’identità dei luoghi che ci sono stati lasciati in eredità da coloro che ci hanno preceduto. Dà inoltre forza all’iniziativa dei gruppi sociali, di diventare responsabili del patrimonio pubblico e di soddisfare i diritti e bisogni fondamentali: essa si alimenta dello spirito di solidarietà del mondo cooperativo”.




Di sicilia5stelle:

FONTE : sicilia5stelle