Cecilia Strada: nasciamo “liberi e uguali in dignità e diritti”

Qualche giorno fa un bravo giornalista, Sergio Scandura, si è accorto di questo NAVTEX. Il NAVTEX è un sistema internazionale per inviare alle navi bollettini meteorologici, informazioni sulla navigazione, e anche avvisi e notizie urgenti sulla sicurezza, per esempio se c’è una barca in pericolo.

Ecco, da Malta qualche giorno fa è partito questo NAVTEX. Che c’è di strano? C’è di strano che, in un avviso per una barca forse in avaria (un “pan-pan”), si parla della nazionalità di chi è a bordo. “A US citizen”. Che c’entra? C’entra qualcosa, la tua nazionalità, se la tua barca è in avaria? Teoricamente no, e infatti nei Navtex non si mettono le nazionalità. E praticamente? Praticamente che significa?
Praticamente, mi spiace, ma mi sembra che significhi una cosa sola: “Avviso alle navi in zona, andate a prestare assistenza: perché è un cittadino statunitense. Non è un migrante, un povero, un nero, un disgraziato: non ignoratelo! È un cittadino come noi, perciò va aiutato”.

Tutto questo mentre per giorni in mare centinaia di persone chiedevano, imploravano aiuto. Ma per loro, i NAVTEX non partono quasi mai.
Com’è che era, nasciamo “liberi e uguali in dignità e diritti”? ‘Nsomma.

#blacklivesmatter

Cecilia Strada

Cecilia Strada: nasciamo