Mi sento infinitamente grato a Beppe Grillo.

Lo si potrà criticare finché volete per il suo temperamento (a me piace così!).
Ma ci dobbiamo tutti ricordare che quest’uomo, dalla nascita del blog, ha sacrificato 16 anni della propria vita al solo fine di lasciare alle future generazioni un Paese migliore.

C’ha rimesso professionalmente ed economicamente.

È stato per anni il nostro parafulmine.

Ha permesso a dei signor nessuno – a partire dal sottoscritto – di servire il Paese con l’orgoglio di farlo in una forza politica libera e fuori dagli schemi della partitocrazia.

Credo sia l’unico “politico” sulla faccia della terra che abbia creato opportunità, prospettive per milioni di persone, salvo che per sè stesso.

È bene ricordarlo, Beppe ha prestato a titolo gratuito la sua arte, la sua esperienza, il suo sudore, le sue corde vocali finanche la sua anima per portare a compimento un sogno.

Dei liberi cittadini nelle Istituzioni, fino ad arrivare al Governo e realizzare delle riforme sociali, politiche ed economiche che nessun altro avrebbe mai concretizzato.

Pensiamoci bene, Beppe avrebbe potuto tranquillamente fare il senatore, il Ministro o farsi nominare in qualche importante consiglio di amministrazione.

Quanti altri esempi troviamo di questo tipo nel panorama politico nella storia della Repubblica italiana?

Quanti?

Per questi motivi e mille altre ragioni mi sento infinitamente grato a Beppe Grillo.

Il nostro Garante e custode dei valori e dei principi del MoVimento 5 Stelle passato, presente e futuro.

Claudio Cominardi