Meetup amici di Beppe Grillo di Salerno: quindici anni di emozioni

Meetup amici di Beppe Grillo di Salerno: quindici anni di emozioni

Guardate questa foto a Cinque stelle. Secondo voi in che anno eravamo?

Quello che ho vissuto con il Meetup Amici di Beppe Grillo di Salerno, uno dei primi in Italia, è stato un percorso di enorme crescita e confronto. Sono tante le persone che hanno inserito un tassello dalla nascita fino ad oggi.

Intorno alle idee, alle provocazioni e ai paradossi di Beppe Grillo si era creata una aggregazione di cittadini con una visione diversa della politica e della società. Avevamo l’ambizione di costruire insieme nuovi modelli grazie ad una rete fatta di tanti nodi che in tutto il Paese si ispirava ai principi della democrazia diretta, della tutela dell’ambiente, della mobilità e dello sviluppo sostenibile, della connettività, dei trasporti pubblici.

Voglio parlare a cuore aperto con voi, in questi lunghi anni ci sono stati momenti di sconforto, tanti rimpianti, dolori e problemi giganteschi, ma anche grandi opportunità per crescere, tracciare strade innovative, dimostrare che è possibile cambiare le cose.
Sognavamo la possibilità di godere dei beni comuni in una società libera e abbiamo combattuto quotidianamente per rimuovere, giorno dopo giorno, gli interessi politici ed economici che non lo permettevano. Dalle raccolte firme per contestare le decisioni scellerate delle amministrazioni locali fino al Governo del Paese l’obiettivo è stato sempre costruire una comunità più consapevole dei propri diritti.

Sapevamo già da allora che questo sarebbe dipeso solo da noi, continuare a delegare ad altri le battaglie non avrebbe portato alcun beneficio, era un lavoro dal quale non potevamo e non dovevamo esimerci.

Il Meetup di Salerno mi ha insegnato tanto. Mi ha aiutato a crescere, ma soprattutto mi ha fatto capire che non ero solo, che gli scenari che immaginavo erano sogni condivisi da moltissime persone e che potevano diventare, quindi, realtà. Le difficoltà che abbiamo affrontato alla fine ci hanno mostrato che potevano essere enormi possibilità e che, se ci fossimo dimostrati intraprendenti, avremmo potuto coglierle tutte. Ebbene in parte lo abbiamo fatto ma la strada è ancora lunga e piena di ostacoli.

Passavamo i fine settimana a fare volantinaggio con i nostri banchetti e cercavamo di far arrivare a tutti dei messaggi che stimolassero un modo più trasparente di far politica. In quegli anni non esisteva l’ambizione di diventare deputati, senatori o ministri, pensavamo solo a fare qualcosa per migliorare la società.

Eravamo lo 0,0001% e si lottava per idee collettive e rivoluzionarie, non per le cariche.
Tutto quello che abbiamo vissuto non si può spiegare fino in fondo. Il coraggio, la rabbia, la passione, l’entusiasmo, l’amicizia, i litigi, le manifestazioni tutti insieme sono emozioni che si possono solo vivere intensamente.

Ora che è sera guardo questa foto e mi domando: abbiamo ancora quella luce negli occhi? Io la sento dentro di me e la uso per contrastare chi quotidianamente ti accarezza strizzando l’occhio mentre tenta di trascinarti nella melma dell’immobilismo, della rassegnazione e della mediocrità.
Abbiamo il dovere di tenere sempre a mente il senso della nostra missione e conservare lungo questo complicato percorso i valori che ci hanno uniti in questa incredibile storia.

Auguri a tutto il Meetup amici di Beppe Grillo di Salerno, per questi quindici anni di emozioni, condivisione e lotte.

Guardate questa foto a Cinque stelle ⭐⭐⭐⭐⭐ Secondo voi in che anno eravamo? Quello che ho vissuto con il Meetup Amici…

Pubblicato da Angelo Tofalo su Giovedì 16 luglio 2020



Di Angelo Tofalo:

FONTE : Angelo Tofalo