Manovra, stabilizzati oltre 6.000 LSU in Calabria, Puglia, Basilicata e Campania

di Giuseppe Fabio Auddino (Portavoce al Senato) e Riccardo Tucci (Portavoce alla Camera dei Deputati):

Si chiamano Lavoratori Socialmente Utili. Sono stati creati per legge più di vent’anni fa. Hanno, per decenni, rappresentato una sorta di ‘anomalia del sistema’, diventando i precari del pubblico impiego per eccellenza. Operano nei Comuni e nelle Regioni con contratti che vengono rinnovati di anno in anno. C’è chi è nella P.A. da oltre 20 anni. Senza il loro contributo gli enti locali in molti casi non riuscirebbero a erogare servizi ai cittadini.

Per oltre un decennio sono stati un bacino “alla mercé” della politica, senza diritti né certezze, che puntualmente si è occupata di loro assicurando risorse, finanziaria dopo finanziaria, per la proroga dei loro contratti negli enti locali.

 Un anno e mezzo fa abbiamo cominciato a lavorare a una soluzione per un bacino che conta oltre 6 mila persone in 4 Regioni del Mezzogiorno. E finalmente, nella Legge di Bilancio appena approvata, abbiamo stanziato 59 milioni di euro per consentire agli enti locali di assumerli a tempo indeterminato e in deroga ai vincoli assunzionali.

La norma contenuta nella Manovra crea le condizioni perché gli enti locali possano stabilizzarli una volta e per tutte entro il 31 dicembre 2020.

Questo risultato è stato possibile grazie al nostro lavoro e al contributo fondamentale del vice ministro dell’Economia Laura Castelli e all’operato dei ministri del Lavoro e della Funzione Pubblica e consente ai lavoratori e alle loro famiglie di tirare un sospiro di sollievo.

Abbiamo scelto con responsabilità di sanare una condizione che si trascinava da quasi 25 anni, restituendo dignità a oltre 6 mila lavoratori.

Adesso gli enti locali non avranno scuse: con questa norma hanno un anno di tempo per procedere alle stabilizzazioni.

L’articolo Manovra, stabilizzati oltre 6.000 LSU in Calabria, Puglia, Basilicata e Campania proviene da Il Blog delle Stelle.



Di Il Blog delle Stelle:

FONTE : Il Blog delle Stelle