M5S: “Ancora niente accordo con lo Stato per ridurre la spesa, a rischio la spalmatura del disavanzo della Regione in 10 anni”

I deputati 5 stelle: “Musumeci venga a riferire in aula” 

“Ancora nessuna traccia  dell’accordo della Regione con lo Stato per ridurre la spesa,  a rischio la spalmatura del disavanzo della Regione in 10 anni consentita dal governo Conte con il Decreto Legislativo 158/2019”.

A lanciare l’allarme sono i deputati  5 stelle all’Ars, che chiedono che il presidente della Regione, Musumeci, vada riferire in aula  su una “vicenda che potrebbe avere seri contraccolpi sul bilancio regionale e di conseguenza sulla vita dei siciliani”.

“Il Governo Conte – affermano i deputati –  per evitare il fallimento della Regione, con il Decreto Legislativo 158/2019 ha consentito di ripianare le quote di disavanzo relativo al rendiconto 2018 in un decennio.   Il termine di 10 anni però viene ridotto a 3 anni se entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore del Decreto la Regione e lo Stato non sottoscrivono un accordo contenente specifici impegni di rientro dal disavanzo che garantiscano  il rispetto di specifici parametri di virtuosità, quali, ad esempio, la riduzione strutturale della spesa corrente già a decorrere dall’esercizio finanziario 2020. Ebbene il 2020 si è già chiuso da 12 giorni e dell’accordo che la Regione deve sottoscrivere con lo Stato non c’è  traccia. Per questo chiediamo che il governo venga a riferire  in aula in merito agli impegni che la Regione vorrà inserire nello schema di accordo Stato/Regione”

“Comunque vada – afferma il capogruppo Giovanni Di Caro – questa vicenda rappresenta un fallimento per il governo regionale. L’eventuale  ok al ripianamento ci metterebbe al riparo dal disastro totale, ma per il governo Musumeci non sarebbe comunque il caso di gonfiarsi il petto: la spalmatura assomiglia tanto ad un piano di riequilibrio per i Comuni in dissesto”.




Di sicilia5stelle:

FONTE : sicilia5stelle