M5S all’Ars: “Impugnata dal Cdm la legge regionale che apriva al condono edilizio. Avevamo ragione, era l’ennesimo sfregio all’ambiente del governo Musumeci”.

Palermo, 24/09/2021

“E’ stata impugnata dal Consiglio dei ministri la legge regionale sulle aree paesaggistiche che dava il via libera all’ennesimo scempio ambientale: un condono edilizio che avrebbe consentito agli immobili totalmente abusivi, costruiti in aree di valore paesaggistico, di potere rimanere esattamente dove sono. Siamo felici che Roma, come avevamo chiesto con tanto di nota ufficiale, abbia messo una toppa, una grande toppa, alle spregiudicatezza del governo Musumeci che continua, con i fatti, a dimostrarsi il nemico numero uno dell’ambiente”.

Lo affermano i deputati M5S della commissione Ambiente dell’Ars, Giampiero Trizzino, Stefania Campo e Stefano Zito, commentano lo stop alla legge regionale numero 19 del 29 luglio scorso, arrivato ieri da Roma in occasione della seduta del Consiglio dei ministri.

“Sarebbe stato – afferma Trizzino – un caso unico nel panorama italiano ed è per questo che eravamo più che convinti che fosse assolutamente illegittimo: da qualsiasi altra parte, immobili di questo tipo vengo abbattuti, ordinando al responsabile il ripristino dei luoghi. Roma ha dato ragione a noi e torto ad un governo che di ambientalista non ha assolutamente nulla”.

“In Sicilia – conclude Trizzino – la politica con la ‘p’ minuscola aveva deciso che se hai commesso un reato, puoi farla franca. Alla faccia di chi rispetta le regole e paga le tasse. Qualcuno dica a Musumeci che le legge è uguale per tutti. Anche in Sicilia”.



Di sicilia5stelle:

FONTE : sicilia5stelle