L’UE “SPOSA” IL MANIFESTO DELLA CANAPA

“La Commissione accoglie con favore tutte le iniziative volte a rafforzare ulteriormente il potenziale delle zone rurali e a migliorare i sistemi di coltura nell’Ue. Il Manifesto della #canapa affronta numerosi aspetti e contribuirà certamente a sensibilizzare i cittadini sui benefici complessivi di tale coltura”.

È quanto mi ha scritto il commissario Ue all’Agricoltura, Janusz Wojciechowski, rispondendo a una mia interrogazione in cui sollecitavo Bruxelles a chiarire la sua posizione sulla canapa e sul manifesto italiano lanciato dai produttori.

LA CANAPA PUÒ ESSERE UN GRANDE VOLANO PER L’AGRICOLTURA DEL SUD

visto anche l’ampio spetto di applicazioni, dall’#agroalimentare all’#edilizia. Inoltre, può aiutare a favorire la transizione #green di questi settori.

A quanto pare, anche Bruxelles la vede allo stesso modo:

“La Commissione segue da vicino la situazione del mercato della canapa sul mercato interno e su quello globale ed è in corso un dialogo regolare con i portatori di interessi del settore nel contesto delle riunioni del gruppo di dialogo civile per le fibre”

– dice sempre il commissario –

La canapa industriale può attualmente beneficiare, a determinate condizioni, dei pagamenti diretti per superficie disaccoppiati e del sostegno accoppiato facoltativo negli Stati membri che si avvalgono di tale possibilità”. Le opportunità di finanziamento da parte dell’Ue per il settore, preannuncia Bruxelles, aumenteranno con la nuova Pac: “Le pratiche agricole che contribuiscono alla neutralità climatica svolgeranno sicuramente un ruolo importante nel conseguire gli obiettivi del Green Deal europeo e nelle strategie ‘dal produttore al consumatore’ e sulla biodiversità recentemente pubblicate”, conclude il commissario.



dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale:

FONTE : Rosa D’Amato – Portavoce M5s nel Parlamento EU

(Visited 15 times, 1 visits today)