LUCIA AZZOLINA, PIERO ANGELA E LA VERA STORIA DEI “BANCHI A ROTELLE”

La questione “banchi mobili” è stata strumentalizzata in modo assurdo, e penso che sia il caso di spiegarla bene una volta per tutte.
📌 Nell’estate 2020 il Comitato Tecnico Scientifico ha indicato tra le misure importanti per il ritorno in classe quella del distanziamento fisico.⬅️➡️

Per garantire la distanza tra gli alunni servivano banchi singoli e non quelli dei nostri nonni a due posti. Essendo i banchi delle scuole particolarmente vecchi, perché sono anni che non si è investito in arredi scolastici, si è ritenuto opportuno comprarne di nuovi, garantendo così le distanze che sono probabilmente la più importante misura di prevenzione. ✅

Ai dirigenti scolastici è stato chiesto quale tipo di banchi volessero offrendo le seguenti alternative: quelli tradizionali, oppure, solo per le scuole superiori, dei banchi mobili innovativi per l’Italia, ma già utilizzati in diverse scuole italiane e paesi europei.
📌 Per dire che non c’è nulla di così sorprendente, li ha anche elogiati Piero Angela in un SuperQuark del 2015.
Il banco mobile permette di ripensare gli spazi della classe, e oltre a garantire il distanziamento permette di studiare anche una didattica innovativa. Dobbiamo iniziare già adesso a immaginare la scuola del futuro.

Sono stati quindi acquistati due milioni e mezzo di banchi, di cui 400.000 (su esplicita richiesta dei presidi) del tipo mobile e innovativo, che sono costati circa 120 milioni.

Lucia Azzolina è una portavoce M5S che ha lavorato in modo incredibile per tenere aperta la scuola in un momento difficilissimo, ed ha ricevuto degli attacchi vergognosi.

Evidentemente, quando Piero Angela parla dei banchi a rotelle nessuno dice nulla, ma se li acquista Lucia Azzolina del MoVimento 5 Stelle su richiesta dei presidi, apriti cielo.

I Se qualcuno vi parla dei “banchi a rotelle” senza sapere che cosa dice, mandategli il servizio di SuperQuark.

#m5s⭐⭐⭐⭐⭐

Marco Bella