L’onore più grande è servire il proprio Paese

Lo ripeto da quando mi sono candidata alle politiche nel 2013 e non cambierò mai idea a riguardo: è l’onore più grande servire il proprio Paese. Lo dico sinceramente. E ricevere lettere di gratitudine per aver fatto semplicemente il mio dovere è una cosa a cui non mi abituerò mai. Ho un’idea di Italia che credo sia condivisa dalla maggiorparte delle persone, l’idea di un Paese interconnesso, moderno, proiettato ai risultati, senza pregiudizi, tollerante, instancabile, serio e ispirato. Spesso penso che si possa fare di più ma altre volte penso che ciò che abbiamo fatto sino a qui sia già un piccolo miracolo. 12 anni fa discutevamo di piani urbani di recupero di vecchi immobili invece che costruirne di nuovi, oggi abbiamo il 110% per fare un esempio.

Siamo soli contro tutti, chi ha occhi per vedere lo vede quotidianamente. Ricevere un disco metal oggi mi ha strappato una risata e non nego che mi abbia dato una carica emotiva che non si può trascurare. Sapere che ci sono molte persone che non conosco ma che credono in me, in noi, è qualcosa che ci impone di non mollare mai. Non so come andrà a finire ma posso assicurare che ce la metteremo tutta e le nostre piccole grandi conquiste, dal reddito di cittadinanza allo smart working, sono vittorie culturali più che politiche.



Di Fabiana Dadone:

FONTE : Fabiana Dadone