L’ISTAT CONFERMA: IL RDC E LE ALTRE MISURE CONTRO LA POVERTÀ HANNO AIUTATO GLI ITALIANI

I dati pubblicati dall’Istat sono la riprova, per chi avesse ancora dubbi, che il #RedditodiCittadinanza insieme ad altre misure volute dal Movimento, abbia “ridotto le diseguaglianze”: è forse questo il motivo per il quale in tanti si scagliano ancora contro questa misura.

Nel suo ultimo rapporto, l’Istituto statistico sottolinea senza mezzi termini: “Le misure straordinarie implementate nel 2020 (#RedditodiEmergenza, bonus per i lavoratori autonomi e bonus colf) hanno contribuito, insieme all’ampliamento nell’utilizzo di quelle già esistenti (RdC e Cig), a sostenere i redditi delle famiglie, pesantemente condizionati dalla crisi economica, riducendo le diseguaglianze, rispetto a uno scenario alternativo caratterizzato dall’assenza di tutte le misure citate.

L’indice di Gini si riduce da 31,8 a 30,2 e il rischio di povertà, dal 19,1 al 16,2%”. “Le misure straordinarie per la pandemia da Covid-19 – prosegue l’Istat – hanno svolto un ruolo importante per alcune delle categorie più colpite dalla crisi, riducendo il rischio di povertà dei disoccupati di circa 6,9 punti percentuali, di 3,5 punti per gli inattivi e di 2,6 per i lavoratori autonomi”.

Insomma, i dati diffusi dall’Istat sono una conferma lampante del nostro impegno: lasciamo agli altri le chiacchiere, le provocazioni, le battute; noi preferiamo i fatti, con provvedimenti a tutela dei cittadini in difficoltà.



Di Tiziana Ciprini:

FONTE : Tiziana Ciprini