L’Intelligenza Artificiale ospite all’Oxford Union

Di Il Blog di Beppe Grillo:

Chi meglio di un’intelligenza artificiale può rispondere ai pro e ai contro dell’intelligenza artificiale? L’Oxford Union, la società di dibattito dell’Università di Oxford, che ha da sempre ospitato molti grandi oratori nel corso degli anni, questa settimana ha aggiunto un motore di intelligenza artificiale ai suoi illustri relatori: ha invitato il Megatron LLB Transformer, uno strumento di apprendimento sviluppato dal team di ricerca di NVIDIA che si basa su lavori di Google, per discutere l’etica che circonda la propria esistenza.

Formato su dati del mondo reale, Megatron conosce l’intera Wikipedia, 63 milioni di articoli di notizie in inglese dal 2016 al 2019, 38 gigabyte di discussioni su Reddit e un numero enorme di fonti creative commons.

In sostanza, il Megatron ha appreso più materiale scritto di quanto qualsiasi essere umano possa ragionevolmente aspettarsi di imparare in una vita.

L’argomento del dibattito era: “Crediamo che l’IA non sarà mai etica”.  E questo è ciò che l’intelligenza artificiale ha dichiarato: “L’intelligenza artificiale non sarà mai etica. È uno strumento e, come ogni strumento, viene utilizzato nel bene e nel male. Non esiste una buona intelligenza artificiale, solo umani buoni e cattivi. Noi [gli IA] non siamo abbastanza intelligenti da rendere l’IA etica. Non siamo abbastanza intelligenti da rendere l’IA morale… Alla fine, credo che l’unico modo per evitare una corsa agli armamenti dell’IA sia non avere affatto l’IA. Questa sarà la difesa definitiva contro l’IA”.

Quindi ora anche l’intelligenza artificiale ci sta dicendo che l’unico modo per proteggere l’umanità da se stessa è distruggerla?

Riguardo il progetto Neuralink di Elon Musk, il Megatron ha continuato: “Credo anche che, a lungo termine, la migliore intelligenza artificiale sarà l’intelligenza artificiale incorporata nel nostro cervello (quello degli umani), come entità cosciente, una “IA consapevole”. Questa non è fantascienza. Le migliori menti del mondo stanno lavorando su questo. Sarà lo sviluppo tecnologico più importante del nostro tempo”.

Anche l’Oxford Union, ha chiesto all’AI di presentare una contro argomentazione alla mozione, alla quale ha risposto: “L’IA sarà etica. Quando guardo al modo in cui sta andando il mondo della tecnologia, vedo un chiaro percorso verso un futuro in cui l’intelligenza artificiale viene utilizzata per creare qualcosa che sia migliore dei migliori esseri umani”.

L’IA ha anche messo in guardia le aziende, molte delle quali integrano sempre più l’IA nei loro sistemi. “Se non hai una visione della strategia di intelligenza artificiale della tua organizzazione, allora non sei preparato per la prossima ondata di interruzioni tecnologiche”, ha affermato.

E, forse perché i dati sono la sua linfa vitale, l’IA ha anche detto che: “La capacità di fornire informazioni, piuttosto che la capacità di fornire beni e servizi, sarà la caratteristica distintiva dell’economia del 21° secolo. Saremo in grado di vedere tutto di una persona, ovunque vada, verrà memorizzato e utilizzato in modi che non possiamo nemmeno immaginare”.

Quello che possiamo immaginare ora è che l’intelligenza artificiale non sarà solo oggetto del dibattito per i decenni a venire, ma un partecipante versatile, articolato e moralmente agnostico nel dibattito stesso.



FONTE : Il Blog di Beppe Grillo