Lettera dal futuro

Di Il Blog di Beppe Grillo:

Di solito si usa scrivere una lettera per i propri figli o per i nipoti da far aprire quando saranno grandi o, addirittura, preparare regali per chi verrà dopo di noi. Ma oggi, in questo caldo giorno di festa, mi ritrovo in casa, sola e aprendo un piccolo baule rivedo una vecchia macchina da scrivere con la scritta sbiadita Lettera 22, alcuni fogli di carta, oramai ingiallita, ed una fotografia di mia nonna da ragazza al mare. Caspita! Noto subito la data “estate 2020”, cento anni fa, giusto un secolo. Come era bella con sua sorella minore e che strano abbigliamento che indossava, somiglia molto a quei quadri che si vedono ogni tanto al Louvre nel padiglione dei contemporanei. Non l’ho mai conosciuta di persona ma di lei ho sentito tanto parlare da mio padre. Mi piace, dunque, l’idea di provare ad utilizzare questo fantastico “attrezzo” della Olivetti, proveniente dal secolo scorso, per inviarle parole scritte su carta che lancerò nel passato nella speranza che da qualche parte lei le possa leggere. Le inserirò in una microcapsula postandola nello spazio con quel nuovo servizio che va di moda in questi giorni, Spacemail, chissà che riesca ad attraversare un buco nero lassù e passare nell’altra dimensione dove tutto si ricongiunge.

“Città metropolitana di Parigi 14 luglio 2120

Cara nonna Beatrice, 

sono Beatrice Debussì Bianco. Nel mio entourage molti mi chiamano Beatrice Seconda. Con orgoglio porto questo nome che è stato anche quello tuo, nonna, vissuta nel ventunesimo secolo. Come te per uno strano destino anche io sono nata l’ultimo anno di un secolo che stava per terminare per cui mi sono affacciata subito in una nuova era. Non ci siamo mai conosciute né tu avresti potuto immaginare dove sarebbe arrivato il mondo in un secolo per cui vorrei parlarti di noi che viviamo nell’anno 2120 esattamente 100 anni dopo di quello in cui hai scattato quella bella foto di te al mare con tua sorella minore Larissa.

Vivo nella città metropolitana di Parigi un’area vasta che oramai racchiude circa 20 milioni di abitanti. A vederla non sembrerebbe visto che tutto scorre ordinato e gli abitanti hanno preferito uno sviluppo orizzontale a quello verticale contrariamente a quello che si prevedeva nel passato in cui veniva preconizzata una società fatta di citta caotiche, affollate e molto inquinate. La profezia di Blade Runner, film del vostro secolo, non si è realizzata per cui ti stupiresti a vederci oggi così come siamo. Mi considero cittadina del mondo anche se ho il passaporto Europeo e le mie radici affondano in Italia, terra felix dicevano gli antichi. Gli Stati nazionali sono solo un ricordo del passato ed un retaggio più storico che altro. La lingua comune a tutta l’Europa ed in almeno la metà del globo è l’inglese anche se ancora qualcuno in famiglia usa gli idiomi dialettali della propria regione.

Non so con esattezza come fosse la vita negli anni a cavallo tra il 1900 ed il 2000 se non per quello che ho appreso da vecchi film visti in cineteca al college o da foto sbiadite trovate in casa e tramandatemi dai miei genitori. Siamo in pochi, infatti, a tenere ancora dei raccoglitori che contengono foto e lettere “di carta” ed io ne custodisco il contenuto come un cofanetto di pietre preziose. Oramai qui è tutto smaterializzato ed è perfino vietato utilizzare la carta, per ovvi motivi ambientali, per cui le uniche cose ammesse sono vecchie foto o libri stampati prima del 31.12.2099 ultimo anno in cui ancora si poté stampare. Io conservo, comunque, in un angolo di casa, anche i libri che scrisse ancor prima di te tuo padre Stefano. Il nostro avo comune che ha tramandato a tutti i membri della famiglia, oltre a parte del mio cognome, anche la passione della scrittura.

A vedere tutto quello che avete passato posso considerarmi fortunata a vivere nel ventiduesimo secolo. Sappiamo che avevate toccato con mano più volte nei secoli scorsi il tasto rosso dell’autodistruzione. Dapprima con la seconda Guerra Mondiale allorquando la scoperta dell’arma atomica aveva messo in seria discussione l’esistenza della stessa razza umana. L’uomo aveva dimenticato, per il lungo ventennio della Guerra Fredda che faceva parte della specie Sapiens Sapiens comportandosi ancora come il selvaggio cacciatore neanderthaliano che attraversava foreste e savane uccidendo animali e altri ominidi per il controllo del territorio. Non era servito l’intero secolo dei Lumi a trasformare lo spirito bellicoso del lungo Medio Evo in intelligenza creativa per cui l’escalation delle armi di distruzione di massa ha rischiato di uccidervi tutti. 

So che tu sei nata quanto si iniziava già a delineare una nuova geografia sociale con il dissolvimento degli Stati nazionali e la unificazione linguistica, ma avrai saputo dai tuoi genitori, vissuti negli anni Sessanta e Settanta del Novecento, cosa avevano passato e cosa significasse per loro il muro di Berlino. Ne ho visto una raffigurazione tridimensionale nel laboratorio scolastico allorquando abbiamo studiato gli orrori della razza umana nei 40 secoli che ci hanno preceduto e devo dire che è il classico frutto malato delle ideologie. L’equilibrio oggi raggiunto è la chiara dimostrazione che l’abbandono delle ideologie era la chiave per la risoluzione dei più grossi problemi del passato. 

Come abbiate potuto fronteggiarvi per secoli su una religione piuttosto che un’altra oppure su comunismo e capitalismo e financo su liberismo e dirigismo è una cosa che a noi sembra assurda. Eravate tutti convinti che vi fosse una verità o una soluzione che magicamente avrebbe risolto il problema dell’umanità intera. Un verbo da rivelare con effetto salvifico. Solo ora che abbiamo aperto gli occhi e ci siamo resi conto che non esiste una verità né in campo politico né in quello religioso né tantomeno in quello economico siamo riusciti a raggiungere uno status che mai l’uomo sulla terra aveva goduto. 

Scampato il pericolo delle guerre atomiche solo cento anni fa il vostro mondo veniva scosso poi da una grave Pandemia che vi ha colto tutti impreparati.  L’ epidemia ha dato il colpo di grazia ad una economia già asfittica che stava portando alla morte lenta la maggioranza degli abitanti del globo. La chiave di svolta avvenne proprio in tale occasione allorchè  quello che ne conseguì in termini economici aprì gli occhi ai più dando il via ad un cambio di paradigma economico che nel giro di un secolo ci ha portato a quello che siamo oggi. Fu proprio quell’evento improvviso che convinse, chi deteneva le leve del potere economico, di mettere fine a un modello di vita insostenibile che avrebbe significato una catastrofe ancor più globale della malattia. Tu, nonna, eri italiana ed in parte fortunata in quanto dotata di un sistema di welfare statale che  era ancora efficace. Il resto del mondo, che per due terzi, non a torto, era ancora definito terzo mondo, non riuscì a sollevarsi dagli effetti economici devastanti del morbo che, come un cancro, infettò velocemente tutte le economie mondiali già allo stremo per i collassi finanziari del 2008. Le migrazioni incontrollate di masse di gente senza prospettiva di sopravvivenza che dal sud povero del mondo si sono riversati nei paesi maggiormente sviluppati, in cui ancora esisteva un simulacro di economia, hanno rischiato seriamente di innescare bombe sociali e le rivolte sedate a fatica a fine degli anni venti erano solo la prova di quello che sarebbe potuto accadere.

La scintilla, allora, scoccò proprio nel momento più buio delle economie mondiali quando tutti si erano oramai rassegnati alla trasformazione del mondo in un inferno in cui la lotta per la sopravvivenza sarebbe stata combattuta con le armi e con lo strumento della corruzione sul modello degli Stati controllati dai narcos utilizzando la forza lavoro di schiere di diseredati trasformati in moderni schiavi dai pochi oligarchi in grado di generare ricchezza. L’idea di abbandonare tutto affidandosi alla tecnologia fu la scelta vincente che piano piano permise all’economia di risollevarsi e di questo debbo dare atto alla tua generazione di aver visto lungo. In effetti, considerata la comprovata incapacità della classe politica del ventunesimo secolo di dare una sterzata al modus vivendi e dunque ai paradigmi economici sottostanti, la scelta di affidarsi all’Intelligenza Artificiale è sembrata quella più logica.

La prima cosa che emerse dal check-up fatto da “AL2” ( il super computer a cui fu affidato il compito di analizzare cause e soluzioni al problema mondiale) fu che l’abbandono dell’economia del fossile fosse da completare entro 10 anni al massimo senza se e senza ma. Il consiglio sembrava ovvio e già noto, ma “AL2” seppe mostrare anche agli scettici gli effetti positivi collaterali che la scelta avrebbe comportato.

E così la salute degli abitanti di vaste aree del pianeta, soprattutto quelle asiatiche, migliorò nel giro di 20 anni (meno malattie-meno costi sociali), i livelli di ozono e le polveri sottili si ridussero drasticamente rallentando l’innalzamento delle temperature e dei livelli dei mari, le città smisero di essere delle camere a gas, la natura guarì tornando ad essere la madre che con i suoi frutti può nutrire i suoi abitanti. L’energia necessaria a mandare avanti il mondo trova, oggi, la sua fonte ed origine nel sole e nel vento e l’idrogeno ha soppiantato benzina, metano e gasolio. L’idea di posizionare le centrali solari ed eoliche nei paesi africani o asiatici maggiormente esposti al sole ed al vento ha favorito lo sviluppo di lavoro nei paesi più poveri con la costruzione sia degli impianti che delle relative infrastrutture per il trasporto dell’energia prodotta. Le innovazioni tecnologiche hanno poi portato nelle zone aride del mondo non solo l’energia ma anche l’acqua che è stata ricavata proprio dall’umidità ricavata dall’aria tramite macchinari funzionanti con energia solare (ricordi il progetto Watly ?) con un circolo virtuoso che ha portato una sana irrigazione sia nel Sahara che nel Kalahari africano così come nel Gobi Asiatico.

Oggi i trasporti cittadini e quelli regionali avvengono tutti su metropolitane leggere a levitazione o su subway completamente automatizzate. I mezzi pubblici ad idrogeno hanno soppiantato quasi del tutto quelli privati che comunque sono concepiti ad impatto zero, silenziosi e modulari per cui un passeggero usa sempre mezzi monoposto senza occupare spazi inutili. Il traffico congestionato delle città si è magicamente ridotto non solo per la diminuzione dei mezzi privati ma anche perché la tecnologia che ha reso inutile il 50% degli spostamenti per motivi di lavoro o scolastici allorchè si è radicato lo smart working, l’easy studying ed il telelavoro che fino ai tuoi tempi erano considerate cose da film. Come affermato da Moore nel suo Teorema la rapidità di sviluppo dei microprocessori e dunque della tecnologia raddoppia ogni vent’anni e con l’avvento dei nuovi mezzi di comunicazione olografici ha permesso riunioni non solo più in video ma con la presenza de facto di tutti i partecipanti. Proprio domani avrò un meeting a New York con lo staff Americano della compagnia per cui lavoro, ma credo proprio di risparmiarmi le 4 ore di volo che mi separano da New York. Anche se il viaggio non è lungo ho deciso che parteciperò in teleconferenza olografica così come faranno i colleghi del Sud America. Con il costo di un caffè potrò esser presente nella sala riunione newyorkese per circa un’ora mentre starò comodamente seduta sul sofà del mio salotto qui a Parigi. La mia giornata lavorativa con il risparmio delle ore di viaggio e di spostamento si ridurrà dunque a solo un’ora lasciandomi tempo libero per le mie attività leisure.

La tanto paventata crescita demografica incontrollata per cui saremmo diventati 20 miliardi entro il 2050 non si è avverata. Senza necessità di utilizzo di mezzi legislativi di controllo delle nascite, sul modello di quelle cinesi degli anni 60-70 del Novecento, il miglioramento dell’informazione e della cultura di base anche delle popolazioni più arretrate ha ridotto di molto la natalità delle ultime 3 generazioni, calmierando così la crescita demografica che ora ha ritmi sostenibili. A Parigi le famigliole delle banlieu con 5 o 6 figli sono ormai un ricordo per cui il melting pot, oramai completato, ha omogeneizzato anche le abitudini modernizzando usi e costumi familiari atavici. Anche l’Europa come a suo tempo gli USA o l’Australia è oramai una Unione multietnica in cui tutti i cittadini hanno i medesimi diritti senza alcuna distinzione di origine o di religione. La parola razza è sparita dal nostro vocabolario per cui tutti concorrono in egual maniera allo sviluppo del mondo. Si è poi saggiamente deciso che la religione sia un fatto privato di ognuno e che mai potrà interferire con le istituzioni laiche dell’Unione, il concetto non è una novità e deriva dal principio “libero Stato in libera Chiesa” dei secoli scorsi. Nessuno si sogna più di considerare cittadini di serie B quelli i cui genitori non sono autoctoni. 

La storia sul punto ha fatto da maestra. L’impero romano si fece grande proprio allorchè fu concessa la cittadinanza a popoli non latini e le frontiere di allargarono trans tiberim. Allorchè, poi, i popoli, detti barbari, invasero l’Europa dai paesi asiatici essi si fusero con le popolazioni residenti greche e latine e nel giro di un secolo nessuno più riuscì a distinguere cittadini di origine “barbara” da quelli autoctoni. Lingue, religioni e colori di pelle si fusero così nel corso dell’Alto medioevo e nessuno si è mai sognato che la grandezza dell’Illuminismo o la Rivoluzione Industriale fu merito degli uni o degli altri. Oggi dunque la questione dell’origine dei nuovi europei è oramai superata e l’etichetta di europeo la attesta il passaporto e non certo il colore della pelle. 

Come ti stavo scrivendo, con l’abbandono dell’energia fossile è sparita anche la produzione di plastica liberando i mari ed i fiumi da tonnellate di rifiuti non smaltibili, in 15 anni sono stati faticosamente rimosse anche le isole galleggianti createsi in 50 anni di sversamenti. La plastica, laddove possibile, è stata sostituita da materiale derivato da scarti dell’agricoltura come il mais e la canapa ed il concetto di packaging è solo un ricordo del passato. L’economia circolare è oramai cosa acquisita da circa 60 anni per cui oggi “nulla si crea e nulla si distrugge ma tutto si trasforma”. La frase pronunciata nel lontano Settecento dal filosofo Lavoisier è stata l’ispirazione per un utilizzo pratico e concreto che ha permesso il riciclaggio del 99% dei rifiuti sia urbani che industriali con la creazione di una filiera circolare. Anche tale processo virtuoso è stato un toccasana per il pianeta.

L’agricoltura negli ultimi 50 anni è cosi tornata ad essere una dei motori della nuova economia oramai post industriale. Ho studiato al college la fine della Quarta Rivoluzione Industriale che ha visto definitivamente tramontare il concetto di ciminiera e di operaio curvo sulla catena di montaggio che da fine settecento ha rappresentato la forza lavoro come mezzo di produzione. Le poche ciminiere rimaste in questa regione sono quelle del parco di archeologia industriale nella nostra banlieu. Le più belle però, sono sempre quelle della fabbrica di Battersea fuori Londra rese celebri da una copertina di una compilation di un complesso del secolo scorso, forse si chiamavano Pink Floyd quando si suonava ancora con le chitarre e la batteria.  

Il mio compagno lavora in una officina di assemblaggio di robot. Qui da noi si installano i microchip che danno “vita” alle macchine fornendogli l’intelligenza sintetica. I robot hanno pian piano sostituito l’uomo in tutti i mestieri usuranti partendo da quelli nelle fabbriche e poi via via anche quelli ripetitivi come autisti, baristi, portinai, servizi di pulizie e cassieri. E’ sufficiente la presenza di un caposquadra umano per dirigere il lavoro di una squadra composta da una decina di addetti robotizzati alle pulizie in un hotel o negli uffici. Il futuro riserva all’uomo solo mestieri con skill o capacità di coordinamento liberando tempo ed energie per tutti. La domotica e la meccatronica sono settori economici che danno tanto lavoro e che nello stesso tempo ausilio a noi tutti scaricandoci di fatto di molte delle attività tipiche dei secoli addietro. L’assistente virtuale casalingo risolve per noi tutti i problemi del day by day, ed il robot domestico lava i piatti, i vestiti, ci stira gli abiti e tiene pulita la casa. Un modello abbastanza efficiente in regime di leasing costa poco più di un abbonamento di teatro. La giornata lavorativa per noi del 2120 è di sole 4 ore modulari a seconda di necessità ed obiettivi ed il lunedì è il giorno riservato al briefing spesso svolto in video-conferenza olografica. L’uomo si è così liberato di molte incombenze materiali sia della vita privata che sul lavoro avendo più tempo da dedicare al tempo libero, allo sport alle proprie passioni artistiche e culturali. Negli ultimi 30 anni si sono riaperti teatri, cinema 5D ed exibition center così come palestre e centri benessere tutte attività gestiti da giovani, per non parlare degli sleeping trip center che certamente tu mia cara nonna neanche potevi immaginare esistessero. Durante il weekend penso di farci un salto per una oretta di svago. Con un casco multimediale ti confezionano un sogno avventura di una ora che ti godi steso su un lettino ad acqua.

Come avrai capito siamo definitivamente nella cosiddetta iperstoria ultimo capitolo della saga umana. Dopo la lunghissima preistoria ed una storia durata solo seimila anni siamo da pochi decenni approdati nella iperstoria termine felicemente coniato dal filosofo italo-inglese Luciano Floridi. L’interazione uomo macchine è in corso di completamento ed anche se il quadro normativo ed i limiti entro i quali i device si muovono vengono determinati ancora dall’uomo che ne ha il controllo, la cooperazione è oramai orizzontale e si sviluppa su quasi tutti i settori della società. Facciamo oramai tutti parte di una lunga catena di comunicazioni ed informazioni che vengono vicendevolmente scambiate tra macchine o tra umani e macchine o tra umani ed umani. I robot non hanno assunto il controllo della società come alcuni immaginavano ai vostri tempi ma sono divenuti i sostituti dell’essere umano in moltissimi compiti e soprattutto nel lavoro, le informazioni in rete sono disponibili e scambiabili in tempo reale tra tutti i soggetti on line. Per noi nati in questi anni non serve più nemmeno fare la spesa od ordinarla sul web in quanto il frigorifero ci pensa da solo avendo sotto controllo il livello dei cibi. Mi è bastato inserire gli alimenti di mio gusto e ci pensa lui a far arrivare il corriere, che poi non è altro che un furgone a guida autonoma. Malgrado gli sforzi dei progettisti nonché gli ottimi risultati raggiunti dall’Intelligenza Artificiale in questo ultimo secolo sia in campo musicale che in quello letterario, nessun robot è, però, ancora arrivato a superare il test di Turing e dunque a vincere l’ambito premio in palio. Il team in cui lavora il mio compagno, che è un ingegnere molecolare quantico, sta testando un “cervello” sintetico da installare su androidi, dunque robot dalle sembianze umane, proprio nell’intento di superare il test. Vedremo se la nuova macchina saprà, per la prima volta, ingannare l’uomo. 

Le risorse per mantenere in piedi una nazione grande come l’Europa ed un welfare minimo ed accettabile sono state recuperate attraverso la redistribuzione dei redditi per cui le grosse aziende sono tenute a versare allo Stato centrale l’80% dei profitti prodotti nell’Unione senza possibilità di tassarli in paesi di comodo sicchè le rendite finanziarie hanno cessato di nutrire un sistema capitalistico parassitario legato solo agli indici di borsa ed alla turbo finanza. Si privilegia così il ruolo etico delle imprese e delle multinazionali che contribuiscono con i loro proventi alla crescita dell’intera società e non solo con la distribuzione dei dividendi ai soliti noti. Il ruolo dell’economia reale è divenuto dunque centrale sottraendolo in parte alla finanza. Oggi, dopo la svolta, si è capito che sia pur in una economia di mercato diretta da poche multinazionali sono proprio queste a doversi far carico di quanto lo Stato non riesce più a sostenere. I lavoratori inoccupati, a seguito dell’eliminazione di posti di lavoro, sono stati supportati sia dall’Unione Europea che dagli USA e Cina con la istituzione di un reddito universale capace di dare una sussistenza di base e dignità a ciascun cittadino senza spingerlo nelle mani della criminalità organizzata o nella emigrazione di massa. 

I progressi in campo medico sono andati di pari passo con lo studio del genoma umano e del DNA per cui molti dei mali del secolo scorso sono stati sconfitti. Siamo tutti mappati dalla nascita per cui il profilo genetico e le malattie che i nostri figli potrebbero contrarre sono già profilate e note sia dal concepimento. La manipolazione del DNA per ridurre od eliminare i rischi avviene dunque sin dal concepimento con tecniche per Voi inimmaginabili.

Cara nonna, come avrai capito il nostro è un secolo in cui la scienza e la tecnologia la fanno da padrone mentre le discipline umanistiche sono state relegate in secondo piano. Come abbiamo potuto capire la scienza e la tecnologia sono figlie della matematica e della fisica e dunque scienze esatte, con un impatto sulla vita e sulla società benevolo mentre la politica, la religione e la filosofia sono discipline opinabili che danno adito a scontri e diatribe. Il tempo del dubbio è terminato, siamo nell’iperstoria. Non sappiamo ancora se questa scelta di campo sarà alla lunga vincente ma stiamo provando una strada diversa da quella percorsa da voi negli ultimi due secoli per cui  solo il tempo potrà giudicare.

Ora, cara nonna, Ti mando un ultimo abbraccio virtuale perché il dovere mi chiama ….. la tua Beatrice

Di Stefano Bianco. Premio Letterario Aladei Lettera 22 anno 2020.



FONTE : Il Blog di Beppe Grillo