L’EFFETTO MOLTIPLICATORE DELL’INNOVAZIONE NELLA CREAZIONE DI POSTI DI LAVORO

Tra gli effetti della globalizzazione vi è indubbiamente quello di aver ridefinito i confini del mercato del lavoro a livello mondiale:
li Paesi emergenti BRIC (Brasile, Russia, India, Cina) e CIVETS (Colombia, Indonesia, Vietnam, Egitto, Turchia, Sud Africa) sono diventati le nuove “fabbriche del pianeta”, in cui le norme che regolano il lavoro e salvaguardano l’ambiente sono meno restrittive e meno osservate rispetto ai Paesi dell’OCSE, in cui si producono idee scientifiche ed estetiche sotto forma di brevetti, design, moda, film, programmi televisivi, musica, banche dati, motori di ricerca, internet.

In questo contesto per i Paesi dell’Ocse (tra i quali l’Italia) diventa determinante, per lo sviluppo economico, il settore dell’innovazione: industria avanzata, tecnologie informatiche, biotecnologie, hi-tech del settore medico, robotica, scienza di nuovi materiali e nanotecnologie, ma anche innovazioni nel settore dell’intrattenimento, dell’ambiente (ecotecnologie) e del marketing.

Da una ricerca della Berkeley University è emerso che il settore dell’innovazione produce un effetto moltiplicatore nella creazione di posti di lavoro: PER OGNI NUOVO POSTO DI LAVORO A CONTENUTO TECNOLOGICO VENGONO CREATI 5 NUOVI POSTI nelle professioni tradizionali (avvocati, infermieri, insegnanti) e nelle occupazioni più operative (camerieri, parrucchieri, carpenteiri). Per esempio, per ogni software designer reclutato da Twitter a San Francisco si creano 5 nuove opportunità di lavoro per baristi, personal trainer, medici, tassisti. L’effetto moltiplicatore esiste in quasi tutti i settori, ma in quello dell’innovazione è circa il TRIPLO del settore manufatturiero.

Ecco perché è importante costruire un’ITALIA SMART NATION, FONDATA SULL’INNOVAZIONE, in cui il fattore chiave sia il CAPITALE UMANO e quindi istruzione, creatività e inventiva.

#M5S #programaLaVoro



Tutti i diritti sono degli autori indicati alla fonte: Tiziana Ciprini : http://www.tizianaciprini.it/leffetto-moltiplicatore-dellinnovazione-nella-creazione-di-posti-di-lavoro/