Le risorse vadano allo sblocco dei cantieri, delle assunzioni e sostengano la tutela dell’ambiente.

Oggi alla Camera dei Deputati il governo ha relazionato sul tesoretto da 14,3 miliardi che deriva dall’aumento del gettito Iva nel primo semestre del 2022. Risorse che saranno utilizzate per finanziare il decreto Aiuti bis, provvedimento indispensabile e urgente a beneficio di famiglie, lavoratori e imprese.

Dobbiamo rilevare, tuttavia, che non si tratta di un nuovo scostamento e che la difficile situazione economica richiederà ben altro sforzo nell’autunno caldo che verrà. Solo una politica economica convintamente espansiva, sul modello del governo Conte 2, si rivelerebbe adeguata

Dovranno essere presenti non solo le norme per sostenere l’economia in risposta all’aumento dei prezzi, ma anche una soluzione definitiva per il Superbonus, che consenta di sollevare chi cede i crediti di imposta collegati all’incentivo dalla responsabilità in solido

L’obiettivo è sbloccare migliaia di cantieri congelati a causa di scelte politiche discutibili e riattivare a pieno regime la circolazione dei crediti.



Di Gallo Luigi – Già Presidente della Commissione Cultura della Camera dei Deputati:

FONTE : Gallo Luigi – Già Presidente della Commissione Cultura della Camera dei Deputati