La Tav Torino-Lione va sospesa, è un progetto ormai «vecchio» ed «esorbitante»

di Patrizia Bedori:

Capisco che è iniziata la campagna elettorale ma Salvini non può confondere la verità con la sua opinione.

La galleria che ha visionato non è il TAV, si tratta di scavi propedeutici alla realizzazione dell’opera: è un tunnel geognostico e hanno impiegato 30 anni a farlo.

Manlio Di Stefano ha dichiarato “Salvini non è andato a vedere il cantiere del tav ma un buco largo 5 metri. Di quale opera parla? Non esiste nessuna opera in corso. Su questo tema non bisogna fare propaganda elettorale, bisogna dire solamente la verità agli italiani. Noi vogliamo investire i soldi dei cittadini italiani per realizzare opere utili a tutti, opere che servono ai cittadini ogni giorno. Basta chiacchiere inutili su un’opera inutile, che non si fara’. Pensiamo ai ponti, alle strade, agli argini dei fiumi di cui ha urgenza il nostro Paese”

la francese Karima Delli, (Verdi), presidente della commissione Trasporti e Turismo del Parlamento europeo ha dichiarato che “Tav Torino-Lione va sospesa, è un progetto ormai «vecchio» ed «esorbitante»(«faramineux»), che presenta rischi ambientali (l’amianto) e necessita di troppo tempo per essere realizzato, mentre la «conversione modale» dei trasporti dalla strada alla ferrovia, che è urgente per ridurre le emissioni, si può realizzare attraverso il rinnovo della vecchia linea esistente.
E aggiunge: ” la vera questione è vedere la tematica dei trasporti nella prospettiva futura: la Lione-Torino non sarà terminata prima del 2038. Ma non dobbiamo attendere certo il 2038 per fare qualcosa. E questa è la ragione per cui la priorità è quella di rinnovare l’esistente. C’è una linea (ferroviaria, ndr) che già esiste; la si rinnova, e si fa una conversione modale. Adesso, non fra 5, 10 o 20 anni”
.
https://www.diariodelweb.it/economia/articolo/?nid=20190201-537162

Potrebbe interessarti anche: