La stabilità del Mediterraneo, come quella del Golfo, significa tanto per il nostro Paese.

51392611 569589803522989 4422427644579020800 n

di Giuseppe Conte:

La stabilità del Mediterraneo, come quella del Golfo, significa tanto per il nostro Paese. Non è un caso che il mio passaggio in Kuwait e le mie missioni in Iraq e in Libano, appena concluse, arrivino dopo quelle negli Emirati e in Oman e le recenti visite nel Ciad e nel Niger.

Con le massime Autorità irachene, libanesi e regionali curde ho avuto modo di confrontarmi su molteplici temi: tra questi, appunto, la cooperazione affinché il processo di stabilizzazione di queste aree prosegua quanto più efficacemente possibile. Il nostro contributo è unanimemente apprezzato.

In questi paesi sono presenti i nostri contingenti: donne e uomini dell’esercito, della marina, dell’aeronautica e dell’arma dei carabinieri, la cui professionalità e dedizione sono universalmente apprezzate. Svolgono compiti delicatissimi nel contrasto al terrorismo, nella formazione delle forze dell’ordine locali, nel sostegno alle comunità locali. A loro ho portato il grato e riconoscente pensiero del Governo e della Nazione.

Ora si rientra a Roma. Domani sarò a Genova per dare inizio alle operazioni di demolizione del Ponte Morandi.
Nei giorni successivi alla tragedia abbiamo spesso ripetuto una frase “Genova nel cuore”. Domani ritorno a Genova, che dal mio cuore e dai miei pensieri non è mai uscita.

Ci sarò domani e tornerò anche successivamente per seguire le operazioni di ricostruzione. Dobbiamo fare presto per inaugurare quanto prima il nuovo ponte. Sarà il simbolo del riscatto di Genova, della Liguria, dell’Italia.