La “polemica” sulla mia presenza mercoledì a Montevarchi mi ha divertito molto.

La “polemica” sulla mia presenza mercoledì a Montevarchi mi ha divertito molto. L’avevo prevista in ogni dettaglio. È tutto dannatamente prevedibile, quando si vive in un paese con certa destra (renziani compresi) e certa presunta stampa.

Non devo spiegazioni a nessuno e rifarei tutto, ma ci tengo a ribadire alcuni punti.

– Ho deciso di andare a Montevarchi all’ultimo momento, allungando il viaggio in moto. Mi sono pure preso un po’ di pioggia sulla A1. Volevo vedermi l’intervento di Conte e, alla fine, salutarlo. Speravo di mimetizzarmi tra la folla, ma al 300esimo selfie ho capito che ormai con l’anonimato ho smesso per sempre. Nel bene e nel male.

– Non era minimamente previsto che salissi sul palco. Me l’ha chiesto Conte arrivando (con due ore di ritardo, maledetto!) e chiedendomelo davanti a tutti. Sapevo che, accettando, avrei dato la stura alla peggior destra (renziani inclusi) e alla peggior stampa rosicona. Ho accettato proprio per quello: avevo voglia di fare un po’ di casino, perché quando tutto è troppo calmo mi annoio e poi mi smottano gli zebedei dalle fondamenta. E ne soffro.

– Come ho detto più volte, ci sono solo due leader politici che possono chiedermi di salire sul palco con loro: Bersani e Conte. Non significa che la pensi sempre come loro: significa che ne ho stima. E non ho nessun motivo o voglia di nasconderlo.

– Non ho sentito nessuna minaccia a Renzi. La piazza era gremita e civilissima. Le volte in cui Renzi è stato citato o evocato sono partiti fischi come se piovesse, ma é normale: quello lì sta sulle palle anche ai sassi. E non per colpa mia. Eravamo nel “suo” Valdarno e quei fischi devono avergli fatto girare parecchio le palline, così ha imbastito ‘sta polemica da peracottari.

– Se avessi sentito minacce a suo danno, sarei stato il primo a denunciarle e dissociarmi. Non le ho sentite. Se qualcuno ha pronunciato quelle parole orrende, mi dissocio e le condanno adesso. Con fermezza assoluta. A Renzi auguro ogni fortuna umana e ogni fallimento politico. Nel secondo caso, peraltro, sta facendo tutto da solo. Egregiamente. Continua così, Matteo!

– Questa cosa del “giornalista imparziale” è una delle più grandi puttanate mondiali. Tutti i più grandi giornalisti e intellettuali sono sempre stati (eccome) schierati, e in Italia essere “imparziali” vuol quasi sempre dire essere paraculi e cerchiobottisti. Cosa che io proprio non sono: citofonate ad altri, in Italia non c’è che l’imbarazzo della scelta. Il discrimine è l’onestà intellettuale, non certo il non schierarsi. E lezioni di onestà intellettuale non ne prendo certo da renziani e derivati. Quella è rumenta della peggior risma.

– Ero e resto un uomo che mai si candiderà nella vita (sono altro e faccio altro), ma che non ha mai nascosto di essere di sinistra. Il mio voto non può che andare, a oggi, a una di queste tre forze: Pd, M5S o sinistra radicale (le cito in ordine di grandezza stando ai sondaggi). Spero nella nascita del campo progressista di bersaniana memoria, questa destra mi fa politicamente vomitare (renziani inclusi) e se posso indebolirla mi ci butto a capofitto. Adoro rompere i coglioni a chi detesto e se abitassi a Montevarchi ovviamente voterei Il candidato di centrosinistra e M5S. Salgo sui palchi quando mi pare, dico quello che mi pare e faccio – ora e sempre – quello che mi pare. Se poi a qualcuno tale mio approccio schietto e sincero non piace, meglio. Neanche loro piacciono a me.

Augh!
*****

La “polemica” sulla mia presenza mercoledì a Montevarchi mi ha divertito molto. - M5S notizie m5stelle.com
(Ah, dimenticavo. Tutta questa riflessione l’ho pubblicata solo per poter pubblicare questa foto e far vedere quanto diavolo sia figa la catena rossonera attaccata ai miei jeans!)

Andrea Scanzi