La Lombardia è la regione che più orta i segni di molti errori di un anno di pandemia

·
Quando si gira sui territori, tra la gente, è possibile vedere da vicino le difficoltà vissute dalle persone e comprendere immediatamente le priorità di intervento.

È quello che mi è successo oggi in un tour che ho voluto fare nella mia Lombardia, insieme ad alcuni rappresentanti del Movimento 5 Stelle in Consiglio Regionale, Dario Violi e Raffaele Erba, e al consigliere comunale M5S a Como Fabio Aleotti.

La Lombardia è la regione che più delle altre porta i segni di un anno complicato di pandemia in cui abbiamo assistito a molti errori, soprattutto in ambito sanitario, da parte della Giunta Regionale di Attilio Fontana. È per questo che ho deciso di visitare anche l’Hub Vaccinale di Lariofiere che oggi funziona bene, nonostante le criticità iniziali dovute alle inefficienze vergognose della Regione.
A partire dalla visita al polo innovativo Como Next di Lomazzo, fino all’incontro con i lavoratori della Henkel, in provincia di Como, ciò che risulta sempre più urgente è la necessità di far ripartire il Paese dopo mesi difficili e di sostenere quelle realtà che al momento sono in maggiore difficoltà.

Bisogna lavorare per tutelare le imprese e il lavoro e non disperdere le competenze, anche quando delle multinazionali annunciano dei piani industriali di ridimensionamento come ha fatto Henkel. La mediazione politica è fondamentale in questi casi.

Assicuro il mio impegno per riuscire a non perdere mai di vista le esigenze vere del Paese e a intervenire per offrire soluzioni. E per farlo bisogna essere in mezzo alla gente! 💪💪💪


Stefano Buffagni