Italia un popolo che va dove lo porta la TV

Voglio fidarmi di Conte, per manifesta coerenza , e, capacità dello stesso, pur restando sempre con gli occhi aperti. Certo non aiuta il quadro, rovesciato dal Presidente Mattarella, con ausilio di Renzi, Berlusconi, Salvini, Massoneria, Confindustria, mafie, stampa e televisioni, più, un pezzo di pd, ora, finalmente felice di avere le mani in pasta. Intanto, poco alla volta i soldi spariscono, e, come sempre, nessun aiuto.

Ma voi, state tranquilli, a maggio vi daranno un bonus una tantum, della metà della metà, di quanto vi avrebbe dato il governo Conte con i 32 miliardi, e dovrete esserne grati, perché la loro intenzione era quella di dirvi che: Soldi non ce ne sono, ci dispiace, ma, non li troviamo. Levatevi quel collarino che avete al collo. Non solo vi rimbambiscono, ma , vi conducono dove vogliono loro.

Visto ieri Salvini? Con la più bella faccia di deiezione vecchia di tre giorni, ha dichiarato Urbi et Orbi: La lega comprende il momento grave del paese, ed invita a mettere in atto con coscienza, tutte le disposizioni del governo. Sacrifichiamoci fino a Pasqua , per riprendere a correre dopo. Ooooohhhh pareva Conte! Più grillino di lui non ce n’è ! Con tuffo dalla piattaforma dai 10 metri carpiato co scappellamento a sinistra. Popolo italiano, leghista, non ti sentì preso per il culo, dopo 50000 morti tra lombardia piemonte veneto trentino? Erano proprio necessari tutti questi morti, per ammettere, infine, che , il modello Lega, politicamente é solo profitto personale?
No, perché , il capitone, politicamente parlando spero che lo ammazzerete a Natale. Alle prossime elezioni. Quanto all’altro, a quello arrogante, a quello che troverà un giorno, qualcuno che si prendere l’immenso piacere di schiaffeggiarlo sulla pubblica piazza, in dibattito pubblico, e ne deriderà le quantità enormi di sberleffi versus il popolo italiano, e, ne metterà in berlina, tutti i gesti. Amen, in attesa di giudici.

Alla fine de tutto, mancava la Vezzali da nominà. Abbisognava fa un piacere a Malagò. Mancava na pedina ar caimano. Tra draghi e caimani se capischeno, parlano la stessa lingua. No sguardo, e hanno fregato la Vezzali. Quante cose me tocca senti, sora Rosa mia! Cose dell’artro monno ! Puro la Vezzali, bella donna, sportiva, mamma, italiana, cristiana, s’enchinava a slinguazzà er Caimano, cavolo, ô volete lassà in pace dentro ar sarcofago ? Nun basteno li giornalisti che lo tengono umido tutto er tempo, le regazzette che fanno ripetizioni orali delle parti da studiare, ora ce se metteno pure le politiche, che non fanno mistero de come ô ringraziano.

Franco Ferrari