Gli interventi di Draghi del tutto insufficienti.

Offrire 6-7 euro al mese in più ai lavoratori a basso reddito non è proprio la “risposta pronta ai problemi che si presentano” di cui ieri ha parlato Draghi con riferimento alla sua “agenda”. Oggi Bombardieri della Uil, studi e simulazioni alla mano, parla di una “elemosina”.

D’altro canto il Ministero dell’economia non è ancora riuscito a incassare la sacrosanta tassa sugli extraprofitti dei colossi energetici: all’appello mancano 9 miliardi che sarebbero utilissimi a famiglie e imprese.

Ovviamente il Movimento 5 Stelle ieri ha appoggiato il Decreto aiuti bis per tamponare i rincari, gli aumenti della benzina. In Parlamento faremo tutto il possibile per migliorare le cose. È però evidente a tutti, oggi forse ancora di più, quello che ripetiamo da mesi: questi interventi sono necessari ma del tutto insufficienti.

Noi le risposte pronte, vere e forti, le abbiamo indicate al Governo Draghi. L’ultima volta con i nostri 9 punti, respinti però al mittente. Il mittente, tuttavia, non si chiama né Giuseppe Conte né M5S. Sono gli italiani che non ce la fanno più.

Giuseppe Conte