India: devastante ondata di Covid-19

India: devastante ondata di Covid-19

NUOVA DELHI / BANGALORE – L’India sta attualmente combattendo una seconda devastante ondata di Covid-19. Quanto è veloce la diffusione dell’infezione e la seconda ondata colpisce più giovani? Gli esperti rispondono alle domande di The Straits Times.
Quanto è veloce la diffusione dell’infezione nella seconda ondata?

La seconda ondata si sta diffondendo molto più velocemente della prima, un’ondata che ha superato da tempo il picco dello scorso anno ed è ancora in ascesa. L’aumento è stato guidato dal comportamento lassista e dall’emergere di nuovi ceppi come la variante britannica e il ceppo indiano “doppio mutante”.

Il dottor Bhramar Mukherjee, presidente di biostatistica presso l’Università del Michigan, ha seguito da vicino la pandemia indiana. Ha scoperto che il più alto aumento relativo di 30 giorni nei casi durante la prima ondata (identificato come il periodo tra il 3 giugno dello scorso anno e il 14 febbraio di quest’anno nella sua analisi), era da 13.560 il 22 giugno a 45.601 il 22 luglio, un balzo di più di tre volte.

Tuttavia, in questa seconda ondata in corso dal 15 febbraio, il più alto aumento relativo di 30 giorni è stato più di otto volte tra l’8 marzo (15.353) e il 7 aprile (126.276). Anche nella seconda ondata è stato registrato un aumento di dieci volte del numero di decessi in un periodo di 30 giorni, rispetto a un aumento di circa tre volte nella prima ondata.

“Anche l’aumento esponenziale è stato spettacolare, con quattro o cinque stati che in questo momento hanno un numero di riproduzione effettivo maggiore di due”, ha detto il dott. Mukherjee. Il numero riproduttivo effettivo (o R) è un modo per valutare la capacità di diffusione di una malattia. Un valore di R superiore a uno significa che i casi continueranno a salire e un valore superiore a due suggerisce un imminente aumento esponenziale.
I sintomi sono diversi nella seconda ondata?

I medici dicono che tutti i sintomi rimangono gli stessi anche per le tre nuove varianti di preoccupazione. Il dottor Satyanarayana Mysore, pneumologo al Manipal Hospital di Bangalore, ha detto che i reclami di dolore all’orecchio diffuso e infezione del tratto urinario sono stati esagerati.

India: devastante ondata di Covid-19
Il dottor Balram Bharghava, capo dell’Indian Council of Medical Research, ha detto che più persone mostravano mancanza di respiro nella prima settimana dei primi sintomi, a differenza della prima ondata, quando i pazienti si sentivano sibili nella seconda settimana.

La mancanza di respiro è causata dalla tempesta di citochine, ha spiegato il dottor Mysore. “Ciò significa che troppi ormoni infiammatori vengono rilasciati dal sistema immunitario troppo rapidamente nel sangue, influenzando la capacità del corpo di assorbire in modo efficiente l’ossigeno”.

È uno dei motivi per cui le persone sviluppano bassi livelli di ossigeno, ha detto il dottor Mysore. Più persone hanno bisogno di ossigeno nella seconda ondata: il 54,5%, rispetto al 41,1% della prima ondata.
India: devastante ondata di Covid-19

Le persone più giovani vengono infettate?

Molti medici hanno notato un aumento. Il dottor Digant Shastri, un pediatra con sede a Surat, nello stato indiano occidentale del Gujarat, ha detto di aver visto un forte aumento delle infezioni tra le persone di età compresa tra zero e 18 anni “Se avevo quattro casi una settimana prima, ora è più di 50 “, ha detto a The Straits Times.

l’aumento è stato più di otto volte tra l’8 marzo (15.353) e il 7 aprile (126.276). Anche nella seconda ondata è stato registrato un aumento di dieci volte del numero di decessi in un periodo di 30 giorni, rispetto a un aumento di circa tre volte nella prima ondata.
India: devastante ondata di Covid-19
“Anche l’aumento esponenziale è stato spettacolare, con quattro o cinque stati che in questo momento hanno un numero di riproduzione effettivo maggiore di due”, ha detto il dott. Mukherjee. Il numero riproduttivo effettivo (o R) è un modo per valutare la capacità di diffusione di una malattia. Un valore di R superiore a uno significa che i casi continueranno a salire e un valore superiore a due suggerisce un imminente aumento esponenziale.
I sintomi sono diversi nella seconda ondata?

I medici dicono che tutti i sintomi rimangono gli stessi anche per le tre nuove varianti di preoccupazione. Il dottor Satyanarayana Mysore, pneumologo al Manipal Hospital di Bangalore, ha detto che i reclami di dolore all’orecchio diffuso e infezione del tratto urinario sono stati esagerati.

L’aumento è stato attribuito a un aumento dei test sui bambini quest’anno, poiché i kit di test sono diventati più accessibili e convenienti. Anche più bambini vengono testati perché hanno riportato sintomi maggiori nella seconda ondata. “La maggior parte dei casi lo scorso anno sono stati lievemente sintomatici”, ha detto il dottor Shastri.

Dati recenti del governo, tratti da circa 10.000 pazienti ospedalizzati, suggeriscono un piccolo cambiamento nel profilo di età dei pazienti. Oltre il 70% dei pazienti in entrambe le ondate continua ad avere più di 40 anni. Ma la percentuale di pazienti di età compresa tra zero e 19 anni è passata dal 4,2% nella prima ondata al 5,8% nella seconda. La percentuale di quelli tra i 20 ei 40 anni è passata dal 23 al 25 per cento

Fonte: https://www.straitstimes.com/, Tradotto con google translate.