Incontro con i responsabili di Clean Sea Life sul problema dei rifiuti in mare

Di Salvatore Micillo:

Ho appena avuto il piacere di incontrare i responsabili di Clean Sea LIFE, un progetto patrocinato dal Ministero dell’Ambiente e co-finanziato dal programma LIFE, che si occupa di fare sensibilizzazione sui rifiuti marini ed è impegnato in una campagna straordinaria di pulizia delle nostre coste e dei fondali dei nostri mari.

Eleonora De Sabata, Simona Clo e Pietro Paolo Congiatu, Direttore del Parco Nazionale dell’Asinara, capofila del progetto, mi hanno illustrato la loro importantissima attività, che coinvolge migliaia di persone tra i cittadini, gli operatori turistici e le amministrazioni locali. Il problema dei rifiuti in mare ha raggiunto livelli preoccupanti con gravi conseguenze sulla biodiversità, sull’ambiente, sulla salute e sull’economia dei nostri territori. Oltre alle attività di sensibilizzazione, il progetto sta quindi preparando una mappa che mostra le zone dove l’accumulo di rifiuti comporta un rischio maggiore. Inoltre, sta identificando le migliori pratiche per la prevenzione e gestione dei rifiuti marini.

L’incontro, che si è svolto alla presenza dei nostri esperti su mare e rifiuti, è stato un momento importante di confronto su quegli aspetti normativi, specie in materia di gestione e smaltimento dei rifiuti, che rallentano o complicano il raggiungimento degli obiettivi. Il nostro impegno come Ministero è quello sostenere, anche sul piano della norma, le buone pratiche e di favorire ogni azione volta a salvare il mare e il territorio. Nel Ddl Salva Mare, che porteremo in Parlamento una volta uscita la direttiva europea, ci sono gli elementi per consolidare il contrasto all’inquinamento da plastica nei mari, anche agevolando il contributo dei pescatori, grande risorsa del nostro paese, che potranno portare a riva nelle isole ecologiche portuali i rifiuti pescati senza rischiare conseguenze giuridiche.

Dal 1° gennaio è entrato in vigore il divieto di commercializzare i cotton-fioc non biodegradabili. Nella foto qui sotto, con il Ministro Costa e i responsabili di Clean Sea Life, ho tra le mani una tanica piena di bastoncini di plastica raccolti sulle spiagge durante una singola uscita. La terrò come ricordo e a monito di ciò che non deve più accadere.



FONTE : Salvatore Micillo