Il primo “teletrasporto olografico” nello spazio

Di Il Blog di Beppe Grillo:

Non è fantascienza: l’ologramma di un medico è stato teletrasportato nello spazio per far visita agli astronauti.

Durante quasi due anni di pandemia la crescita della telemedicina e dei nuovi modi di “raggiungere” le persone è cambiata e si è sviluppata. Nell’ottobre 2021, il medico della NASA Dr. Josef Schmid e il Dr. De La Pena e i loro team sono stati i primi esseri umani “teletrasportati olograficamente” dalla Terra nello spazio.

Utilizzando la fotocamera Microsoft Hololens Kinect e un personal computer con software personalizzato di Aexa, l’astronauta dell’ESA (Agenzia spaziale europea) Thomas Pesquet ha avuto una conversazione con immagini dal vivo di Schmid, De La Pena e il loro team (vedi foto sottostante) collocate nel mezzo della Stazione Spaziale Internazionale.

Il teletrasporto olografico è un tipo di tecnologia di acquisizione che consente di ricostruire, comprimere e trasmettere in tempo reale modelli 3D di alta qualità di persone. Se combinato con display di realtà mista come HoloLens, consente agli utenti di vedere, ascoltare e interagire con i partecipanti remoti in 3D come se fossero effettivamente presenti nello stesso spazio fisico.

Il sistema Holoportation è in uso almeno dal 2016 da Microsoft, ma questo è il primo utilizzo in un ambiente così estremo e remoto come lo spazio. Questo è un modo completamente nuovo di comunicazione umana su grandi distanze”, ha detto Schmid. “Inoltre, è un modo nuovo di zecca di esplorazione umana, in cui la nostra entità umana è in grado di viaggiare fuori dal pianeta. Il nostro corpo fisico non è lì, ma la nostra entità umana è assolutamente lì. Non importa che la stazione spaziale stia viaggiando a 17.500 mph e sia in costante movimento in orbita a 250 miglia sopra la Terra, saremo lì in quel punto, dal vivo sulla stazione spaziale”.

La NASA sta dimostrando questa nuova forma di comunicazione come precursore per un uso più ampio nelle missioni future. I piani sono di utilizzare questa tecnologia con la comunicazione bidirezionale, in cui le persone sulla Terra vengono “oloportata” nello spazio e gli astronauti vengono rimessi sulla terra. “Lo useremo per le nostre conferenze mediche private, conferenze psichiatriche private, conferenze familiari private e per portare le personalità sulla stazione spaziale a visitare gli astronauti”.

Il passo successivo è quello di combinare l’olotrasporto con la realtà aumentata, per abilitare veramente il telementoring”( quando un chirurgo che sta operando in sala ha il supporto virtuale, in remoto, di un collega) Immagina di poter portare il miglior istruttore o il vero progettista di una tecnologia particolarmente complessa proprio accanto a te ovunque tu stia lavorando. Inoltre, combineremo la realtà aumentata con il tatto. Puoi lavorare sul dispositivo insieme, proprio come due dei migliori chirurghi che lavorano durante un’operazione. Ciò metterebbe tutti a riposo sapendo che la squadra migliore sta lavorando insieme su un componente hardware fondamentale”, ha affermato Schmid.

L’olotrasporto e strumenti simili potrebbero avere grandi implicazioni sul futuro dei viaggi nello spazio. Man mano che si delineano i piani per le missioni su Marte, un ostacolo da superare saranno i ritardi di comunicazione presenti durante il viaggio da e verso Marte. Un ritardo fino a 20 minuti a tratta rappresenterà una sfida unica per la comunicazione sia attraverso semplici trasmissioni radio, flussi video o nuovi metodi come Holoportation. La comunicazione è fondamentale, sia per ragioni mediche o di supporto alla missione, sia per rimanere in contatto con i familiari.

Ci sono anche applicazioni dirette qui sulla Terra. Che si tratti di altri ambienti estremi come l’Antartide, piattaforme petrolifere offshore o luoghi operativi militari, questo tipo di tecnologia può aiutare le persone in tali situazioni a comunicare, riunendo le persone indipendentemente dalla distanza o dalle sfide ambientali.



FONTE : Il Blog di Beppe Grillo