IL MES IN GRECIA E’ STATO UN FALLIMENTO, LO AMMETTE PERSINO IL MES

IL MES IN GRECIA E’ STATO UN FALLIMENTO, LO AMMETTE PERSINO IL MES

 “Il programma #Mes per la #Grecia puntava a mitigare il rischio del debito sovrano, rendendo prioritaria la sostenibilità di bilancio, ma nonostante i target di consolidamento fossero mitigati, non è riuscito a portare l’attività economica rapidamente verso il suo potenziale”.

È quanto si legge nel rapporto di valutazione sul programma greco di aiuti stilato dall’ex vicepresidente della Commissione europea Joaquin Almunia su incarico dello stesso board del Mes.

⭕️ In altre parole, il Mes, con tutto il suo corollario di Memorandum di riforme e #Troika, ha fallito, lo dicono persino loro. Ha fallito perché ha dato priorità all’austerity, confidando che mettere i conti a posto avrebbe favorito la crescita economica. Non è successo né l’una, né l’altra cosa. Quello che è avvenuto, invece, è la distruzione del tessuto sociale: “Le disuguaglianze nei redditi sono rimaste sopra la media Ue e il tasso di povertà e disoccupazione è rimasto relativamente elevato”.

⭕️ Inoltre, “il programma ha fallito l’obiettivo di inseguire sistematicamente e con vigore la sostenibilità macroeconomica a lungo termine”. Almunia raccomanda che i prossimi programmi del Mes guardino maggiormente alla crescita. Menre il presidente dell’Eurogruppo, Mario Centeno, assicura che il nuovo Mes, quello che alcuni vorrebbero rifilare all’Italia, è cambiato: “Abbiamo dimostrato che il Mes puo’ adattarsi a crisi diverse e agire senza politiche stile Troika”, dice Centeno. Ora, io non vorrei che dietro tutta questa autocritica ci sia il tentativo di far passare il messaggio per cui l’austerity è scomparsa. E che convenga adesso affidarsi alle “cure” dello stesso programma, il Mes, che ha distrutto la Grecia e impoverito i greci. Ammettere i propri errori è cosa buona e giusta.

Ma il trattato che istituisce il Mes è ancora li’ con tutte le previsioni che porterebbero i Paesi che ne chiedono i prestiti a finire nelle mani soffocanti dell’austerity.

👉Si cambi il trattato e poi ne parliamo. Fino a quel momento sono altre le strade da percorrere per rilanciare, per davvero, la crescita. A partire dalla rimozione dell’attuale Patto di stabilità: perché se il Mes ha fallitto in quanto ha posto come prioritaria “la sostenibilità di bilancio”, lo stesso ragionamento non puo’ non valere per il documento da cui è partita tutta l’impostazione delle fallimentari politiche economiche dell’Ue di questi anni. Il Patto di stabilità per l’appunto.



dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale:

FONTE : Rosa D’Amato – Portavoce M5s nel Parlamento EU

(Visited 3 times, 1 visits today)